Milan, El Shaarawy: "Soddisfatto di quello che ho fatto finora"

Uno degli idoli dei tifosi rossoneri è sicuramente Stephan El Shaarawy che, nonostante la giovane età, già ha saputo dimostrare il suo valore. Intervistato su Canale 5, a Verissimo, l’attaccante rossonero ha raccontato un po’ di sé, della sua vita e del rapporto con i compagni di squadra.

DAL NOSTRO NETWORK

    No feed items found.


Classe 1992, nato a Savona ma di origini egiziane, El Shaarawy grazie al suo talento e alla sua determinazione è riuscito a realizzare il suo sogno, ovvero quello di giocare a calcio da professionista e questo grazie anche al supporto della sua famiglia che lo ha seguito non lasciandolo mai da solo: “Mio padre, in particolare, mi ha sempre accompagnato quando andavo all’allenamento. Mi ha seguito a Padova, quando sono stato lì un anno in prestito, e mi segue tuttora che sono a Milano. Lui è stata la persona più presente nella mia vita, seguito da tutta la mia famiglia: mia madre e mio fratello”.

Padova e Milan due realtà diverse che hanno cambiato la vita del piccolo Faraone: “Il salto dal Padova al Milan è stato una grande cosa, mi sono dovuto abituare in pochissimo tempo, però è stato semplice perché ho avuto delle persone che mi hanno sempre aiutato e sostenuto”.

Soddisfatto dei traguardi raggiunti, sa che per proseguire al meglio occorrerà sacrificio, volontà e lavoro: “Per il momento credo di avere cominciato bene: sono arrivato al Milan e il primo anno ho fatto 28 presenze e 4 gol, il secondo anno ho avuto un exploit importante, arrivando ad essere il terzo capocannoniere del campionato. Sono soddisfatto di quello che ho fatto, non mi resta che continuare così. Adesso ho un infortunio e devo recuperare al più presto”.

Campione in campo e un ragazzo come gli altri fuori, con la passione per il biliardo: “Mi piace molto giocare a biliardo e, a volte, mi fermo a Milanello perché c’è il biliardo”. Ha un buon rapporto con i compagni di squadra e con Mario Balotelli, suo amico: “Abbiamo un buonissimo rapporto. Abbiamo sempre parlato e ha cercato di farmi sentire meglio, di aiutarmi quando le cose non andavano bene, questi sono i ricordi più belli”. Compagno di squadra, ma soprattutto idolo per El Shaarawy è Ricardo Kakà: “Poter giocare con lui è stato veramente qualcosa di meraviglioso”.

Leggi anche-> Mercato Milan: Raiola vuole strappare Balotelli ai rossoneri?

Leggi anche-> Calciatori Milan: vicino il rinnovo per Abate?

Leggi anche-> Parma-Milan: precedenti e statistiche (Video)