Milan, Empoli e Numero 9: la maledizione continua?

Luiz Adriano è vicinissimo alla clamorosa cessione in Cina, dopo soli sei mesi con la maglia del Milan. A proposito di maglia, il brasiliano indossava la numero 9, la stessa indossata da Pato, Torres Destro, i tre che hanno preso la pesante eredità di quel Pippo Inzaghi che con la maglia numero 9 ha fatto faville, ha incantato e fatto gioire i tifosi rossoneri. Dopo di lui, il vuoto…

Cosa accomuna questi quattro attaccanti che non sono riusciti a sfondare con la maglia del Milan? La maglia indossata, quel che è divenuto una maledizione, ed una squadra del campionato di Serie A, l’Empoli:

PATO

Il brasiliano classe ’89 nella stagione 2012-2013 decide di vestire la lasciandosi alle “spalle” la 7, altro numero che precedentemente era stato di un certo Shevchenko. Da quel momento, Pato non avrà più pace: solo 6 mesi ancora con i rossoneri, ricadute dei soliti infortuni e solo 2 gol. A gennaio, poi, la sua dipartita in Brasile al Corinthias.

FERNANDO TORRES

A fine 2014 giunge a Milano Fernando Torres, che eredita la proprio dal “papero”. Anche lo spagnolo vestirà la maglia del Milan solo per 6 mesi ed un solo gol, guarda caso all’Empoli, prima di andarsene all’Atletico Madrid.

MATTIA DESTRO

Con la partenza del “Niño”, è Mattia Destro a vestire la fantomatica 9; storia già scritta? eh si, solo 6 mesi al Milan ed il suo primo gol in maglia rossonera proprio alla stessa squadra a cui Torres aveva marcato il suo unico sigillo rossonero: l’Empoli, il 15 febbraio. Sembrava l’inizio di un attaccante ritrovato, ma per lui solo 2 gol e a giugno via da Milano.

Ed ora LUIZ ADRIANO, giunto al Milan quest’estate con grandi motivazioni e speranze per un’annata da protagonista. Ed invece no, molta panchina e dipartita in Cina a gennaio per 14 milioni di euro. Indovinate a chi fece il suo primo gol nel campionato italiano? All’Empoli, nella seconda giornata. A gennaio, ha racimolato la miseria di due gol in campionato e due in Coppa Italia. La maledizione continua…

Leggi anche: