Milan, Honda: "Troppi allenatori cambiati"

Keisuke Honda ha rilasciato un’intervista a Kyodo News, nella quale attacca ancora il Milan e gli errori che si sono susseguiti nel corso degli anni più recenti: “Il Milan sta attraversando un periodo molto complicato quando sono arrivato io per volere di Allegri e sapevo benissimo a cosa sarei andato incontro. Da quando arrivai, la situazione peggiorò ulteriormente, diventando ancora più brutta”.

Sono venuto in rossonero con la speranza di cambiare un po’ le cose, dando il mio contributo, ma da allora la società ha cambiato troppi allenatori, con il risultato che la squadra è in difficoltà perenne da due anni e mezzo. Il Milan potrebbe seriamente tornare grande, ha il fascino che poche altre società al mondo si possono permettere, ma non basta un singolo acquisto per cambiare le cose. Sono arrivati qua giocatori come Kakà, Robinho, Torres, Balotelli, e poi?”.

Insomma, quando Honda apre bocca, non lo fa banalmente o, meglio, non lo fa senza inserire un pizzico di polemica. Bisogna dargliene atto anche solo per un motivo: ha polemizzato quando era relegato in panchina, polemizza tutt’ora che la panchina sembra averla abbandonata. Coerente è coerente. Certo che…queste parole all’apertura del calciomercato invernale. Evidentemente Milano gli va stretta!

Leggi anche: