Milan-Inter 2014, il derby delle "emarginate" in crisi

Tra due settimane, dopo la sosta per le nazionali, andrà in scena il tanto atteso derby della madonnina tra Milan e Inter. Le due squadre arrivano a questo appuntamento in crisi sia di gioco che sopratutto di risultati. I rossoneri sono reduci dalla pesante sconfitta per 2-0 in casa contro il Palermo e dal pareggio, tutto sommato accettabile, a Marassi contro la Sampdoria. La squadra di Inzaghi però, dopo un buon inizio, è calata a picco evidenziando tutti i propri limiti soprattutto sul piano del gioco e in fase difensiva. Anche i nerazzurri non se la passano bene, come i cugini sono reduci da una brutta sconfitta contro il Parma, ultimo in classifica e strapazzato nel fine settimana dalla Juventus per 7-0, e dal pareggio tra le mura amiche contro il Verona. La squadra di Mazzarri fino ad ora, partita col Sassuolo permettendo, non ha mai pienamente convinto mostrando una certa sterilità in attacco, dove l’unico a segnare e Icardi, e un mancanza di un idea di gioco chiara. Quello che un tempo era il derby più bello del mondo, che spesso valeva un’intera stagione, quest’anno sarà un derby tra due squadre emarginate del nostro calcio che navigano distanti dai posti di vertice della Serie A.

A preoccupare maggiormente le due tifoserie sono le dichiarazioni, a tratti sconcertanti, rilasciate dai due tecnici al termine di questa giornata. Inzaghi dopo il pareggio a Marassi, nelle dichiarazioni post-gara, ha eletto migliori in campo Bonera ed Essien quando invece, i due sono stati tra i peggiori nella sfida contro i blucerchiati. Barbara Berlusconi ha commentato minimizzando la situazione: “Ci troviamo in una situazione delicata ma anche positiva. Inzaghi sta facendo un gran lavoro per creare un gruppo compatto e trasmettere nuovi stimoli alla squadra. Ci vuole tempo, il nostro obbiettivo comunque rimane il terzo posto”.

Anche Mazzarri ha lasciato un po tutti senza parole quando al termine del pareggio ottenuto contro il Verona ha dichiarato che la sua squadra ha disputato un ottima partita, ma che poi ci si è messa la pioggia a complicare tutto. Thohir sembra essere intenzionato a rinnovare ancora la fiducia al tecnico ex Napoli, ma afferma che bisogna ottenere i risultati: “Non ho mai dato degli ultimatum a Mazzarri. L’ho ripetuto 6/7 volte: credo nel progetto di Mazzarri, deve stare tranquillo so che ci vuole tempo e pazienza. Ma bisogna ottenere comunque dei risultati”. Insomma, il derby che andrà in scena il 23 novembre alle 20:45 ci darà molte risposte sulle reali ambizioni delle squadre e sul futuro dei due tecnici.

TUTTE LE NOTIZIE SU MILAN-INTER

Leggi anche: