Milan, Inzaghi confermato: niente esonero grazie a Galliani

L’esonero è stato momentaneamente congelato, Pippo Inzaghi è stato confermato allenatore del Milan e avrà quindi un’altra chance, l’ultima forse. La partita contro il Verona si è rivelata indigesta per il presidente Berlusconi che era pronto ad esonerare il tecnico piacentino, l’intervento di Galliani ha però frenato il patron rossonero e “salvato” Pippo Inzaghi. Il piacentino non è stato esonerato, ma  la sua panchina rimane comunque in discussione.

Nessun vertice ad Arcore, solo tante telefonate tra Galliani e Berlusconi che, domenica, ha meditato molto sul da farsi. La decisione di confermare Inzaghi sulla panchina del Milan è giunta infatti dopo una giornata di riflessione e grazie all’intervento dell’amministratore delegato. Proprio Galliani ha voluto ricordare a Berlusconi, nel corso delle telefonate intercorse tra i due domenica, le condizioni in cui versa il Milan, un’infermeria costantemente piena, e le poche garanzie che si avrebbero dai papabili successori al trono con Brocchi sempre più in pole, ma che non convince appieno la dirigenza.

Il Milan continua con Inzaghi che però non avrà vita facile. Dopo una domenica travagliata e conclusasi con la conferma dell’ex attaccante ad allenatore rossonero, il Milan tornerà a lavorare a Milanello ancora con SuperPippo come condottiero seppur consapevole che questa potrebbe essere la settimana decisiva: il tecnico continua a essere sotto esame e si giocherà tutto nel match contro la Fiorentina.

Leggi anche: