Milan, Inzaghi e la soluzione per superare la crisi

La sconfitta di ieri sera contro il Palermo ha messo a nudo tutti i limiti del Milan di questo inizio stagione. La difesa è ancora una volta sul banco degli imputati e Inzaghi dovrà necessariamente portare delle modifiche agli equilibri di squadra, per evitare di cominciare le partite con l’handicap costante di uno o più gol da recuperare sugli avversari. Prima della sosta per gli impegni delle Nazionali, i rossoneri dovranno affrontare il San Lorenzo, nell’incontro amichevole del Trofeo Berlusconi e la Sampdoria, in quel di Marassi, per  quanto riguarda il campionato. Due impegni ravvicinati, dunque, in cui non ci si può permettere di compiere ulteriori passi falsi, ma che al contrario dovranno essere affrontati evidenziando dei miglioramenti sia sul piano del gioco di squadra che su quello dei risultati.

Filippo Inzaghi dovrà mettersi subito al lavoro per ricompattare il gruppo, facendo chiarezza sia sul modulo che intende adottare, sia sugli uomini che dovranno interpretarlo al meglio. In difesa bisognerà valutare le condizioni di Alex, uscito malconcio dopo appena due minuti nel match di ieri sera; le alternative al brasiliano non sono molte, ma in ogni caso chi sarà chiamato a sostituirlo dovrà farlo in modo molto più convincete di Zapata. A centrocampo potrebbe esserci il ritorno importante di Bonaventura, mentre in attacco sembra indispensabile rinunciare ad uno tra Torres e Menez in favore di El Shaarawy.

Se nel Trofeo Berlusconi sarà possibile dare spazio a chi ha giocato di meno, provando magari qualche nuova soluzione tattica, in campionato non ci sarà tempo per ulteriori esperimenti perché la priorità è quella di iniziare a consolidare un undici titolare che dia le maggiori garanzie possibili. Le scelte di mister Inzaghi quindi, già dal prossimo impegno contro la Sampdoria, avranno un valore particolarmente importante per uscire il prima possibile dal momento più difficile della sua gestione al Milan.

Leggi anche: