Milan, Kakà: "Sarò sempre grato a Galliani"

Ricardo Kakà è uno di quei giocatori che il Milan e i suoi tifosi difficilmente dimenticheranno. Tante le soddisfazioni tolte, tanti i traguardi raggiunti con la maglia a strisce rossonere e, sebbene il ritorno non sia stato dei migliori, il brasiliano non cambierebbe la sua scelta. Certo se il Milan nello scorso campionato fosse stato maggiormente competitivo forse Kakà avrebbe conquistato un pass per il Mondiale in Brasile e magari sarebbe rimasto in rossonero: “È difficile dirlo, – dice Kakà nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport le cose succedono e basta. Aver giocato anche una sola stagione nel Milan, con tutto ciò che ho vissuto in quella società, mi ha reso davvero felice”.

Il Brasile però è la sua Patria e Kakà ha scelto di salutare nuovamente il Milan e di far ritorno a casa. Il primo ad apprendere della scelta del brasiliano fu Adriano Galliani: “A fine campionato anticipai a Galliani che sarei dovuto rientrare in Brasile per risolvere delle cose e che poi avrei deciso se tornare o meno. Allora ho parlato con l’Orlando City e ho firmato l’accordo, Galliani fu il primo a saperlo. Lo ringraziai per tutto ciò che aveva fatto per me”. 

Nella partita d’esordio in MLS Kakà è stato accolto da oltre 62mila spettatori e l’ex Milan riuscì a salutare i nuovi tifosi segnando il suo primo gol con la nuova maglia: “In Brasile, anche in partite importanti, sono molti meno. Non mi era mai capitato di segnare il primo gol nella partita d’esordio con quella squadra. È stato davvero emozionate”.

La Major League si differenzia molto dai campionati europei e ad aiutare Kakà nella scelta di provare questa nuova avventura è stata una chiacchierata con Beckham: “Qui si gioca una volta alla settimana, hai più tempo per preparare le partite e le avversarie sono molto competitive. Ho incontrato Beckham in un paio di occasioni in Florida, prima di averlo come compagno al Milan, e mi ha sempre detto che la MLS è un campionato bello e ci si diverte. Il suo parere è stato importante”.

Leggi anche: