Milan-Parma 3-1: le Pagelle dei rossoneri

Dopo più di un mese il Milan torna alla vittoria in campionato grazie al 3-1 sul Parma. Un successo che fa tirare un sospiro di sollievo soprattutto a Inzaghi che si giocava tutto, o quasi, in questo match. I limiti dei rossoneri, in particolar modo in difesa, sono ancora evidenti e c’è ancora molto da lavorare, ma questi 3 punti rappresentano una buona iniezione di fiducia per il futuro. Fenomenale Jeremy Menez che mette lo zampino in tutti i 3 gol milanisti grazie a una doppietta e all’assist decisivo per il gol di Zaccardo. Male Bocchetti che mostra ancora una condizione fisica precaria. Così così Destro che deve ancora inserirsi nei meccanismi rossoneri e trovare la l’intesa ideale con Menez. Ecco di seguito le pagelle dei rossoneri:

Diego Lopez 7. Provvidenziale in un paio di interventi dove gli tocca rimediare alle dormite della sua difesa. Sicuro e tempestivo nelle uscite. Anche in questa occasione risulta uno dei migliori dei suoi.

Bocchetti 4,5. Poche discese sulla fascia di competenza e quasi sempre fuori dalle manovre offensive dei rossoneri. E’ in colpevole ritardo sul gol del pareggio di Nocerino. Dimostra di non essere ancora in condizione.

Alex 6. Fa il minimo indispensabile. Rischia in alcune occasioni ma tutto sommato non va mai veramente in difficoltà. Va anche vicino al gol con un bolide su punizione che sbatte sul palo.

Rami 5. Va in affanno ogni qualvolta il Parma si presenta in area di rigore. Nel primo tempo rischia il clamoroso pasticcio quando si avventura in uno sciagurato dribbling nell’area piccola che per poco non regala il vantaggio agli ospiti.

Zaccardo 6,5. Nel primo tempo si procura il rigore del vantaggio milanista, nel secondo tempo si leva la gioia della marcatura personale. Attento e diligente anche in difesa. Inzaghi d’ora in poi potrà contare anche sul suo supporto.

Van Ginkel 5. Non riesce quasi mai a far ripartire le azioni del Milan, si limite al compito di interdizione che spesso però, svolge male. (Dal 46′ Essien 6,5. Riesce a dare più vivacità e intraprendenza alla zona nevralgica del campo. Utile anche nella fase di interdizione disputa una partita più che positiva).

Poli 5,5. Come Van Ginkel non riesce a dare slancio alle ripartenze del Milan. A differenza dell’olandese riesce a rendersi più utile in fase difensiva.

Cerci 6,5. Dopo un primo tempo sottotono, nel secondo tempo, grazie anche agli spazi lasciati dagli emiliani, s’intravede il giocatore imprendibile e determinate ammirato a Torino. E’ lui, dopo una discesa poderosa di 50 metri, a servire l’assist per il 2-1 di Menez.

Honda 5,5. La condizione non è ancora al top, è la posizione in cui è stato impiegato non esaltano al massimo le sue qualità. Inzaghi avrà il compito di non bruciare un giocatore che è stato fondamentale nel primo scorcio di stagione

Menez 8. Ancora una volta dimostra di essere il vero e per ora unico punto di forza di questa squadra. Micidiale quando parte palle al piede diventando praticamente imprendibile per gli avversari. Con una doppietta e l’assist per Zaccardo mette praticamente la firma su tuttii gol del Milan (Dal 82′ Pazzini s.v).

Destro 5,5. Ha soltanto una palla giocabile in tutto il match e per poco non trova la rete all’esordio con la nuova maglia, vine servito poco dai compagni. Inzaghi dovrà creare presto dei meccanismi di gioco che possano esaltarne le enormi qualità che possiede (dal 74′ Muntari 6. Utile a dare solidità alla mediana rossonera ed evitare di correre rischi nel finale di partita).

Leggi anche: