Milan, Rami e Alex sulle orme di Nesta e Thiago Silva

Si dice che la squadra con la miglior difesa sia la squadra destinata a vincere e, stando a quanto visto nelle prime partite, la strada del Milan verso il successo appare, o meglio appariva, irta di ostacoli. Il passato è d’obbligo, o quasi, perché mister Inzaghi, nella partita contro il Chievo, ha riassaporato il gusto della vittoria e ritrovato una coppia di centrali difensivi, quella formata da Rami e Alex, capace di arginare l’offensiva avversaria, rendendo stabile un reparto troppo spesso traballante e richiamando alla mente Nesta e Thiago Silva quando, abbracciando Muntari dopo il gol dell’1-0, sulle loro maglie, vicine, si leggevano i numeri 13 e 33.

Il tabellino di Milan-Chievo parla chiaro: i rossoneri vincono per 2-0, confermano il miglior attacco della Serie A e riescono, finalmente, a non subire gol. Merito di Rami e Alex? Probabile e, sebbene sia troppo presto per dirlo, quello zero alla voce gol subiti e quel 13 e quel 33 sulle spalle dei due difensori hanno fatto riaffiorare nella mente dei tifosi del Milan ricordi da far venire i brividi e riaccendere nei loro cuori una nuova speranza.

Rami come Nesta e Alex come Thiago Silva, d’altra parte la scelta dei numeri di maglia non è stata casuale e il risultato ottenuto nella partita contro il Chievo sembra essere una conferma. L’esperienza di Alex è stata fondamentale durante il match, il contributo di Rami non è stato da meno. Pippo Inzaghi non vuol cantare vittoria troppo presto, il suo Milan continuerà a lavorare sodo, i tifosi, però, iniziano a sognare i nuovi Nesta e Thiago Silva per una difesa che dovrà dimostrare di essere tornata inossidabile.

Leggi anche: