Milan-Sampdoria 0-2: Cronaca ed Analisi della partita

Il Milan dimentica rapidamente il passo falso in Champions e porta a casa tre punti in trasferta ai danni della Sampdoria di Mihajlovic. Le due squadre si affrontano a viso aperto e senza timori, ma è Seedorf, al 90°, a sorridere. Blucerchiati e rossoneri si schierano in campo con formazioni speculari: il 4-2-3-1 di Mihajlovic vede Eder unica punta, Gabbiadini a destra e in difesa Fornasier e Costa a sostituire gli squalificati Gastaldello e De Silvestri. Il Milan tiene a riposo Kakà, e con Balotelli infortunato schiera una batteria di trequartisti con Honda, Taarabt e la sorpresa Saponara. Pazzini completa il reparto d’attacco.

La partita risulta subito vivace, e dopo un fallo in attacco di Eder ci pensa Taarabt a impensierire Da Costa, senza però trovare il gol. La Samp risponde colpo su colpo con un positivo Gabbiadini, ma è comunque il Milan ad essere più pericoloso, con Mustafi che salva sulla linea un tiro di Pazzini. Al 12° il Milan passa: Taarabt, su cross di Rami, va di testa, Da Costa respinge corto ed è sempre il marocchino a trafiggere la porta blucerchiata. 1 a 0 Milan.

Taarabt semina ancora il panico nella difesa genovese e il Milan tutto prende fiducia. La Samp però non ci sta, e ci prova di nuovo con Gabbiadini, ma Amelia è bravo a chiudere. Poi quasi solo Milan, che fa girare bene palla e spreca diverse occasioni da gol con Saponara e Honda. All’intervallo i rossoneri guidano per una rete a zero.

Il secondo tempo vede una reazione da parte della Samp, che sostituisce Wszolek con Soriano e dopo 11 minuti Mihajlovic si gioca anche la carta Maxi Lopez, in dubbio alla vigilia. Due minuti dopo il Milan fa 2 a 0: uno scontro in area tra Pazzini e Da Costa (proteste blucerchiate per un fallo presunto del Pazzo sul portiere) lascia a Rami la possibilità di tirare un rigore a porta vuota. La partita, che ormai sembrava chiusa, si spegne definitivamente quando Maxi Lopez, al 73°, si prende due gialli per proteste nel giro di pochi secondi: l’argentino, espulso, lascia la sua squadra in dieci e affonda così le speranze di rimonta dei padroni di casa. L’ultimo quarto d’ora vede il Milan approfittare della superiorità numerica, ma senza concretizzare, e la Samp cercare il gol della bandiera. Il risultato non cambierà, il Milan torna a vincere in trasferta e riprende la corsa per risalire in classifica.

Leggi anche -> Sampdoria-Milan, le pagelle dei rossoneri 

Leggi anche -> Sampdoria-Milan, Seedorf: “Questa squadra può crescere ancora…”

Leggi anche -> Sampdoria-Milan, Rami raggiante: “Bel gol, stiamo migliorando e…”