Milan, Seedorf: “Non è un bel momento, ma vado avanti”

Vigilia di campionato per il Milan di Seedorf che domani sera dovrà affrontare la Fiorentina di Vincenzo Montella. Presentatosi in conferenza stampa, il tecnico olandese ha parlato del match del Franchi e della particolare situazione dei rossoneri. Nei giorni scorsi Seedorf è stato messo in discussione per via dello scarso rendimento della squadra, ma il tecnico chiarisce ulteriormente come il rapporto tra lui e Galliani non sia teso: “La comunicazione tra me e Galliani non si è mai fermata abbiamo sempre continuato a cercare il bene del Milan e continueremo”, e tiene a chiarire: “Non c’è mai stata tensione”.

MIGLIORI INTEGRATORI PER DIMAGRIRE: ORA IN OFFERTA SPECIALE
CLICCA QUI


Di certo non è un buon periodo questo né per il Milan, né per Seedorf che comunque riesce a mantenere la calma e a continuare in tranquillità il progetto avviato con i rossoneri: “Ho una filosofia di vita che mi consente di vivere anche momenti di difficoltà stress e pressione con un certo equilibrio. Non mi fa piacere vedere, sentire o leggere queste cose perché sono un umano, ma questo è il mio modo di essere”.

A prescindere da tutto, Seedorf continua a lavorare per cercare di portare a casa risultati positivi, anche sul piano del gioco: “Lavoro sodo otto ore al giorno per preparare la squadra e fare al meglio contro gli avversari, poi è chiaro che dipende dai risultati”. A proposito dei suoi ragazzi, l’olandese cerca sempre di essere loro vicini e di sostenerli. E lo stesso discorso vale per Mario Balotelli:Dal primo giorno cerco di dare attenzione a tutti i giocatori in maniera diretta, trasparente e di capire le esigenze di ognuno. Con Balotelli ho fatto altrettanto. Qualcuno le chiama coccole, io la chiamo gestione di un atleta. Sono molto esigente con lui, perché credo che lui abbia il potenziale per le cose che gli chiedo”.

Parla anche della differenza tra il campionato italiano e quello spagnolo, differenza che, a parere di Seedorf, è dovuta anche a una diversa cultura e a diversi modi di interpretare il calcio”. Di certo nella Serie A “ci sono cose da migliorare”, ma bisogna anche considerare “la realtà della vita. La crisi incide parecchio su alcune iniziative, come investimenti e stadi nuovi, che forse in questo momento aiuterebbero la crescita. Dobbiamo avere pazienza e restare uniti”.

Leggi anche-> Fiorentina-Milan: Probabili Formazioni e Diretta Tv