Milan, Spalletti possibile sostituto di Seedorf?

In casa Milan si respira ormai da tempo un’aria pesante che, a seguito delle sconfitte subite tra campionato e Champions, negli ultimi giorni ha scosso gli animi di tifosi rossoneri, società ed ex d’eccellenza. Proprio a causa degli ultimi avvenimenti Clarence Seedorf si trova sul filo del rasoio: il presidente Berlusconi, seppure sia il primo suo sostenitore, non tollera più l’atteggiamento della squadra e la scarsità di risultati che, da mesi, il Milan raccoglie.

La prima vittima di un andamento altalenate potrebbe quindi essere proprio Seedorf: se il Milan nelle prossime due partite di campionato (contro Lazio e Fiorentina) dovesse perdere, l’olandese rischierebbe l’esonero e verrebbe rimpiazzato fino a fine stagione da Mauro Tassotti affiancato da Maldera. Berlusconi pare aver già trattato l’argomento con Adriano Galliani durante l’incontro tenutosi nella serata di ieri ad Arcore al quale, secondo indiscrezioni, pare abbiano partecipato anche Tassotti, Montolivo e Abbiati.

Nel caso in cui la panchina di Seedorf salti, Tassotti dovrebbe assumere solo il ruolo di traghettatore e nella stagione a venire tale posto dovrebbe essere ricoperto da qualcun altro. I nomi che si fanno sono sempre gli stessi e vanno da Inzaghi a Prandelli, ma tra questi prende sempre maggior quota quello di Luciano Spalletti che, fresco dell’esonero dallo Zenit, rappresenterebbe, grazie alla sua esperienza e al suo percorso, l’allenatore ideale per il Milan del futuro. L’unico ostacolo potrebbe essere l’ingaggio, decisamente alto per le tasche del Milan, dell’ex tecnico di Roma e Zenit, ma prima ancora di pensare a questo aspetto bisognerà aspettare le partite contro Lazio e Fiorentina. Se la squadra mostrerà una reazione positiva, queste potrebbero rimanere solo chiacchiere.

Leggi anche-> Zenit: esonerato Spalletti

Leggi anche-> Maldini: “Hanno distrutto il mio Milan”

Leggi anche-> Calciomercato Milan: pronta la rivoluzione per giugno