Milan: troppe squadre avanti, la rimonta dello scorso anno utopia?

Il Milan si trova nuovamente in una situazione alquanto compromessa in campionato, con i top club come Roma, Napoli, Juventus, Fiorentina e Inter che stanno letteralmente volando con un andamento molto continuo e che soprattutto fa sognare le piazze di appartenenza. I rossoneri hanno già un distacco di 10 punti dalla vetta, che al momento tolgono ogni speranza di gloria ai tifosi rossoneri considerando anche quanto dimostrato dalla rosa rossonera, ossia di essere non omogenea e non in grado di competere per il vertice.

La domanda che sorge spontanea nella mente e nel cuore di un milanista è: ma possibile che bisogna sempre iniziare con l’handicap in campionato? Anche l’anno scorso dopo un inizio tremendo con sconfitte anche in casa (Sampdoria e Atalanta su tutte) i rossoneri partirono malissimo salvo poi essere protagonisti di una incredibile rimonta da gennaio a maggio che portò la squadra di Allegri a giocarsi i preliminari di Champions League.

Kakà Milan

Quest’anno la situazione appare diversa, si è iniziato già con tanti infortuni e tante incognite (Kakà sta bene? Silvestre lo vedremo in campo un giorno e soprattutto non è che l’Inter lo ha ceduto per la sua condizione fisica? El Shaarawy sarà parte integrante della rosa? Ci fermiamo poiché metteremmo in imbarazzo mister Allegri con tante domande “scomode”) e soprattutto con un gap non solo di punti ma anche tecnico molto pesante: i rossoneri sono dietro i top club, e al momento non sarebbero in grado di lottare per il vertice.

Ovviamente da metà ottobre, con i ritorni dagli infortuni di Kakà (nella speranza non ci siano ricadute) o El Shaarawy i rossoneri dovranno necessariamente iniziare a fare punti pesanti: ad oggi lo scudetto è un’utopia, ma cercare un piazzamento europeo certamente è la priorità per evitare di seguire le orme dell’Inter di Stramaccioni

Leggi anche -> Milan, il Bologna evidenzia i limiti difensivi

Leggi anche -> Bologna-Milan 3-3: risultato finale della gara

Leggi anche -> Napoli-Sassuolo 1-1: video gol e highlights