Mondiali 2014 Brasile: focus sull'Honduras di Jerry Palacios

Molti conosceranno l’Honduras solo per l’edizione de “L’Isola dei famosi”, ma questa repubblica dell’America centrale ha anche una nazionale di calcio che quest’anno si è qualificata per Rio 2014 classificandosi terza nel girone di qualificazione a discapito del Messico. Ai gironi incontrerà la Svizzera, l’Ecuador e la Francia. La prima partita sarà proprio con la squadra di Frank Ribery e in questo girone le possibilità di qualificazione per l’Honduras sono ridotte al lumicino.

C’erano una volta Suazo e Pavon – L’Honduras è conosciuta da molti italiani grazie ai suoi migliori capocannoniere: Pavon, che ha militato nell’Udinese e nel Napoli, tra l’altro non lasciando un buon segno, e David Suazo, che invece è stato uno dei calciatori celebri del Cagliari e adesso è insieme a Pulga l’allenatore dei sardi. Il primo nella classifica marcatori è proprio Pavon con cinquantasette gol.

Pochi giocano in Europa – La nazionale dell’Honduras è formata per gran parte da calciatori che giocano in America, i pochi che invece militano in Europa sono Figueroa dell’Hull City, Izaguirre del Celtic, Peralta dei Rangers e  Najar dell’Anderlecht. La maggior parte di questi saranno schierati titolare dal ct Fernando Suarez.

L’attacco – Sicuramente uno dei reparti con maggiore classe è l’attacco, formato dai due Jerry, Bengston, il bomber autore di quindici reti, e Palacios dal 2002 nella nazionale dell’Honduras. Saranno loro ad alimentare le speranze di qualificazione della nazionale centroamericana.

Probabile formazione – Fernando Suarez schiererà un 4-4-2 con Valladares in porta, Peralta e Izaguirre terzini, Chavez e Bernaredez difensori centrali, Oscar Garcia e Figueroa esterni di centrocampo, Palacios e Espinoza centrocampisti centrali, Costly e Bengston in attacco.

Leggi anche –> Mondiali 2014 Brasile: focus sulla Svizzera, testa di serie del girone E
Leggi anche –> Mondiali 2014 Brasile: focus sulla Costa Rica, l’abbordabile del girone D