Nazionale Italiana, Barzagli: “Ho pensato di smettere”

Nella conferenza stampa infrasettimanale durante il ritiro di Coverciano della nazionale italiana, uno dei protagonisti è stato il difensore dalla Juventus Andrea Barzagli, convocato da Antonio Conte dopo le prime tre partite consecutive stagionali visto l’infortunio che l’aveva falcidiato. Il difensore toscano ha raccontato ai giornalisti il suo stato d’animo durante questi ultimi nove mesi: “E’ stato un periodo lungo e difficile, è stato brutto non giocare e soprattutto non stare a contatto con i miei compagni della Juve prima ancora che della Nazionale. – ha poi continuato raccontando le sofferenze che lo hanno riguardato in questo periodo critico – In alcuni momenti ho pensato di mollare e di smettere di giocare per il dolore che provavo.

Dopo il buio, come spesso accade, si intravede la luce il morale del difensore bianconero è sicuramente alla stelle: “Penso al presente e vedo che sto bene, cred0 di aver superato questi mesi complicati e le ultime tre partite mi hanno aiutato a riprendere il ritmo. – ha poi continuato – Con la maglia azzurra punto ad arrivare agli Europei 2016, poi penso di chiudere con la Nazionale perché avrò 35 anni e bisogna passare il testimone a giovani promettenti come Rugani e Romagnoli.

Sulla polemica degli ultimi giorni circa a convocazione di calciatori oriundi, dopo il botta e risposta tra Conte e Roberto Mancini, ha poi aggiunto: “Ci sono sempre stati, ci sono delle regole ben precise che permettono la loro convocazione. Non vedo problemi, soprattutto se sono qui per dare una mano alla Nazionale.” Il centrale difensivo dell’Italia ha poi commentato la sentenza della Cassazione sullo scandalo Calciopoli: “Un’idea me la sono fatta ma preferisco non sbilanciarmi né commentare. La Juve di quei tempi non è però quella dove gioco io, e anche la dirigenza è un’altra, anche per questo non mi va molto di commentare.

Le parole finali sono relative al Napoli che ha contestato le decisioni arbitrali durante l’ultimo match contro l’Atalanta. Barzagli ha risposto così: “Dispiace sentire che questo campionato è falsato, ma di più non voglio aggiungere anche perché non riguarda il mio club. In ogni caso mi pare tutto un po’ esagerato. – la chiusura quindi è abbastanza seccata – La Juve ha dimostrato sul campo in questi 4 anni il suo valore e nonostante l’improvviso cambio in panchina in estate, stiamo riuscendo a rispettare gli obiettivi prefissati a inizio stagione. In Champions l’anno scorso abbiamo fatto una brutta competizione, ma ora c’è una spinta e delle idee diverse e confidiamo di proseguire il nostro percorso“.  

Leggi anche: