Nazionale Italiana, El Shaarawy: "Conte come Inzaghi: due motivatori"

Stephan El Shaarawy sarà uno dei giocatori su cui il Milan e, molto probabilmente, la Nazionale Italiana punteranno nel corso dell’attuale stagione e in futuro. Ottenuta la prima convocazione dal Ct Antonio Conte, il piccolo Faraone, intervenuto in conferenza stampa, ha sottolineato la grande voglia di mettersi a lavoro per dimostrare ai suoi due mister che quella fiducia è ben riposta e verrà ripagata sul campo: “Inzaghi e Conte sono molto simili, sono due motivatori e trasmettono molta carica. Spero di ripagare la loro fiducia”.

Il Faraone è tornato e sta bene, ha dovuto rinunciare i Mondiali ma, vista la giovane età, avrà tempo e modo di rifarsi: “Mi è dispiaciuto, ma adesso sono soddisfatto perché ho ritrovato una buona condizione. Mi sento più motivato e maturo“. El Shaarawy è pronto a riprendersi un ruolo da protagonista con il Milan, ma anche in Nazionale: “Sono contento di come sia iniziata la stagione, la vittoria del Trofeo Tim e quella in campionato. Sono felice anche per come ho giocato finora, spero di dare il mio contributo”. 

Infine non poteva mancare una domanda su Balotelli. L’arrivo di SuperMario al Milan è coinciso con l’eclissi del Faraone che, però, non ha attribuito a nessuno le colpe di tale declino: “Continuo a non attribuire a nessuno le colpe per il mio calo, è stato un calo più mentale che tecnico, ma credo che a un calciatore di vent’anni possa succedere”. Sulla cessione dell’attaccante al Liverpool aggiunge: “Spero abbia fatto la scelta giusta, avrà avuto i suoi motivi per prendere questa decisione. Gli faccio il mio in bocca al lupo”.

Leggi anche: