Nazionale, le convocazioni di Conte: Pirlo al posto di Bonaventura

Il prossimo week end il campionato di Serie A rimarrà fermo per lasciare spazio alla Nazionale, impegnata in due partite valide per la qualificazione agli Europei del 2016. La prima gara disputata contro la Norvegia lo scorso Settembre finì con 2 reti a 0 a favore degli azzurri realizzate da Zaza e Bonucci.

La squadra di Antonio Conte dovrà ora affrontare l’Azerbaijan, Venerdi 10 Ottobre alle 20:45 allo stadio Barbera di Palermo e Malta, Lunedì 13 Ottobre al National Stadium di Taqali (Isola di Malta). I convocati dell’ex tecnico della Juventus si sono ritrovati ieri sera a Coverciano e oggi sosterranno i primi allenamenti in vista dei prossimi due impegni.

Sono sette i giocatori della Juventus convocati da Antonio Conte, tra i quali la difesa al completo (ancora fuori Barzagli per infortunio) con Bonucci, Ogbonna e Chiellini. Dentro anche Sebastian Giovinco, pupillo di Conte e tanti giovani come Immobile, protagonista nel Borussia Dortmund, Darmian, Florenzi e Pellé, in forza al Southampton e new entry nella rosa del ct. A questi va aggiunto Andrea Pirlo, inizialmente escluso e poi richiamato a causa dell’infortunio di Bonaventura.

Curiosa la presenza di ben cinque giocatori che militano al di fuori dei confini nazionali, sintomo di un calcio estero che adotta sempre più talenti italiani.

Ecco la lista completa dei convocati:

PORTIERI: Buffon (Juventus), Perin (Genoa), Sirigu (Paris Saint Germain);

DIFENSORI: Bonucci (Juventus), Chiellini (Juventus), Ogbonna (Juventus),Ranocchia (Inter), Rugani (Empoli);

CENTROCAMPISTI: Aquilani (Fiorentina), Bonaventura (Milan), Candreva (Lazio), Darmian (Torino), De Sciglio (Milan), Florenzi (Roma), Marchisio (Juventus), Parolo (Lazio), Pasqual (Fiorentina), Poli (Milan), Thiago Motta (Paris Saint Germain), Verratti (Paris Saint Germain);

ATTACCANTI: Destro (Roma), Giovinco (Juventus), Immobile (Borussia Dortmund), Osvaldo (Inter), Pellè (Southampton), Zaza (Sassuolo).

 

Leggi anche–> Norvegia-Italia 0 a 2: videogol, sintesi e highlights

Leggi anche–> Fenomeno Zaza: perchè Conte non lo voleva a Torino?