Notizie Inter, Bergomi: "Icardi erede di Milito"

Ospite di “Inter Forever“, l’opinionista televisivo Beppe Bergomi ha svariato su molti temi riguardanti la sua ex squadra, l’Inter. L’ex difensore nerazzurro, dopo le buone notizie arrivate da Firenze, è fiducioso per il futuro della squadra di Erick Thohir. Questo il commento di Bergomi sulla sfida dell’Artemio Franchi, che ha visto l’Inter uscirne vincitrice per 2-1: “Bisogna continuare su questa strada, l’ho già detto a Mazzarri su Sky nel dopo-partita. Questo sistema di gioco con due attaccanti e due trequartisti ha reso più pericolosa la squadra in zona offensiva, che è sembrata anche più coraggiosa. Non bisogna porsi obiettivi, domenica dopo domenica bisogna dare il massimo per ottenere risultati

Bergomi ha anche espresso la sua opinione su Mauro Icardi, tornato al gol contro la Fiorentina: “Maurito ha bisogno di lavorare, lavorare, lavorare. Spesso ha sbagliato qualche combinazione con Rodrigo Palacio ma deve essere aspettato. Sarà lui il futuro dell’Inter, è un ’93 che segna con regolarità. Può essere l’eredi di Milito, la società ha investito molto su di lui. Purtroppo deve un po’ cambiare il suo carattere e staccarsi dal mondo della rete, questi social non danno la giusta visione della realtà, si dicono cose che nella vita reale non si direbbero“.

Su Kovacic e Alvarez: “Mateo è un ’94, non diamogli addosso. Alla sua età si gioca ancora nella Primavera, lui già da due anni gioca a livello professionistico. Non è facile trovare continuità per lui nell’Inter, con una sola competizione. Purtroppo Mazzarri deve trovargli ancora la posizione giusta, una volta fatto va fatto maturare e potrà essere un valore aggiunto. Ricky Alvarez purtroppo è in difficoltà, però è un ragazzo di talento e ci stanno degli alti e bassi. Valutando le sue prestazioni è migliorato“.

Leggi anche –> Icardi arma in più dell’Inter?

Leggi anche –> Juan Jesus: “Felice per Icardi”