Notizie Inter, Fassone: "Ci vorrà tempo per realizzare i progetti di Thohir"

In un’intervista rilasciata a Radio Rai, il dirigente dell’Inter Marco Fassone ha rilasciato importanti dichiarazioni sul futuro dei nerazzurri.

In primo luogo, ha parlato del tecnico dell’Inter Walter Mazzarri, verso il quale usa parole di fiducia: “Non so se i tifosi si aspettassero di più da lui o dalla squadra. Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori italiani, anche per quello che abbiamo ammirato al Napoli. È un allenatore che lavora tantissimo durante la settimana. Il nostro è un momento complicato, dove anche i giocatori risentono di questa situazione ma Mazzarri sta facendo il massimo e ha la fiducia della proprietà. Mazzarri è uno dei pilastri su cui si ricostruirà l’Inter del futuro e su cui lo stesso presidente Thohir si appoggia tantissimo: lo interpella soprattutto in vista delle decisioni che serviranno per il domani”.

Parla, inoltre, del futuro dei nerazzurri che, a suo parere, stanno attraversando un momento di transizione per tornare poi a vincere: “Siamo in un anno di transizione perché questa stagione rappresenta la fine di un ciclo. Abbiamo giocatori gloriosi che hanno vinto tanto, che però sono in scadenza di contratto. Su di loro faremo le opportune valutazioni a fine anno. La prossima stagione sarà l’inizio di un ciclo che speriamo sia importante come quello del “triplete”. È una ricostruzione che anche Juve o Manchester United hanno affrontato prima di tornare a vincere. Thohir? Ha dimostrato di avere un approccio morbido, ma è certamente determinato anche ci vorrà del tempo prima che i suoi progetti si realizzino. Zanetti? Ha incontrato il presidente e si sono lasciati con la promessa che se l’argentino vorrà un posto in società potrà averlo. Cambiasso? Se sta bene può fare ancora la differenza.

Infine, il punto sul mercato: “Il mercato? Vogliamo una squadra equilibrata, con un’età media di 26 anni dove non ci siano solo giovani talentuosi ma anche campioni affermati che possano essere un esempio per le nuove generazioni”.

Leggi anche -> Inter-Torino 1-0, Moratti: “Ottima prova! Cambiasso è stato straordinario”

Leggi anche -> 106 anni Inter: Gli Auguri della Società e di Juan Jesus