Notizie Inter: Juan Jesus, il suo idolo Lucio e lo scudetto possibile

Intervenuto ai microfoni della Gazzetta dello Sport, Juan Jesus ha parlato di Inter e non solo, facendo anche il punto sulla sua carriera e sui ruoli in cui ha giocato fino ad ora.

Il calciatore brasiliano ha dichiarato infatti che da giovane ha giocato come punta, come interno di centrocampo, terzino difensivo e infine come centrale difensivo dove per ora sta facendo le fortune dell‘Inter e della nazionale brasiliana. Il suo idolo è stato ed è ancora ora il brasiliano Lucio, difensore ex Inter che ha vinto tutto con la casacca nerazzurra.

Continuando si è voluto soffermare sul Verona e su alcuni giocatori chiave dei veneti, in particolar modo su Jorginho e su Iturbe. Queste sono state le sue parole: “Il Verona?  Gioca bene, bella squadra, ma noi dobbiamo semplicemente fare una cosa: vincere. Jorginho? E’ forte, e so che pur se brasiliano vorrebbe giocare con l’Italia: è giusto che ognuno faccia le proprie scelte. Iturbe? L’ho incontrato nel Sudamericano Under 20, mi diede fastidio:  forte, velocissimo, va fermato”

Per finire ha fatto il punto sulla difesa e sullo scudetto, confermando di fatto che i gol subiti in assenza di Campagnaro sono troppi ma l’Inter ha giocato contro la Roma prima in classifica e poi contro il Torino, due squadre forti con attaccanti forti e ha fatto pesare l’assenza importante di Hugo Campagnaro ma è sicuro che Rolando o Andreolli possano far bene.

juan iturbe verona

Infine lo scudetto? “Chi gioca nell’Inter non può dire che è impossibile. E’ giusto pensare che tutto si può”.

Leggi anche –> Ex Calciatori Inter, Ventola: “Che onore le parole di Thohir”

Leggi anche –> Inter-Verona: Campagnaro non ci sarà, salta anche l’Atalanta?