Notizie Inter, Mazzarri: "Fiorentina avversario ostico, ma vogliamo dare continuità ai risultati"

Archiviata la vittoria di Domenica scorsa contro il Sassuolo, la squadra di Walter Mazzarri si sta preparando alla sfida di Sabato sera con la Fiorentina di Montella. Intervistato dal Quotidiano Sportivo, il tecnico nerazzurro ha affrontato diversi argomenti, a partire dal prossimo importante match al Franchi: “Ho sempre cercato di tenere la squadra al riparo dalle turbolenze, lavorando e correggendo gli errori ed esortando i ragazzi a pensare solo al campo per cambiare la tendenza dei risultati. Il Sassuolo è archiviato, ora c’è in testa la Fiorentina […] Quella viola è una squadra molto pericolosa soprattutto sul suo campo. Ma noi siamo fiduciosi di poter dare una certa continuità di risultati. E poi dall’inizio dell’anno parlo di tappe, ogni fermata è un qualcosa in più pensando al futuro. Non dimentichiamo che siamo nel famoso anno di transizione”.

L’allenatore toscano non vuol far paragonicon la squadra di Montella, che occupa la posizione sopra quella dei nerazzurri: “Non faccio confronti, penso all’Inter e a portarla più in alto possibile pensando gara dopo gara e senza porsi limiti. Noi dobbiamo guardare noi stessi e cercare di raggiungere il massimo tutti i giorni. E forse spingersi oltre. […] Bisogna far capire a tutti i calciatori che se tutti rendono ad alti livelli il risultato si moltiplica. Non voglio una pazza Inter, quella che fa una volta bene e l’altra no, ma una squadra che cresca e migliori di giorno in giorno”.

Sabato l’Inter si troverà di fronte una squadra ostica, piena di giocatori talentuosi che possono far male, tra questi c’è sicuramente Cuadrado, centrocampista colombiano corteggiato da molte squadre. Ecco cosa pensa di lui il tecnico di San Vincenzo: “È bravo, sarà da limitare ma non è l’unico. La Fiorentina ha un modo di giocare che mette tutti in difficoltà”.

Leggi anche–> Mazzarri su Thohir: “Vorrei sentirlo più spesso. C’è stima reciproca”

Leggi anche–> Intervista Mazzarri : “I giovani dell’Inter devono imparare a reggere la pressione”