Notizie Inter, Rolando: "Possiamo fare una stagione importante"

In queste prime 13 giornate di Campionato è sceso in campo in ben 8 occasioni, a causa delle assenze di qualche suo compagno di reparto, sopratutto Campagnaro e Samuel: stiamo parlando di Rolando, difensore dell’Inter che sta trovando sempre maggiore spazio nell’undici di Mazzarri.

MIGLIORI INTEGRATORI PER DIMAGRIRE: ORA IN OFFERTA SPECIALE
CLICCA QUI


Il giocatore è stato protagonista di una lunga intervista alla trasmissione Drive Inter, sul canale tematico della società Inter Channel, in cui ha parlato di numerosi temi. “La Serie A è difficile. Stiamo imparando tutte le cose che vuole il mister. Possiamo fare una stagione importante“, le parole di Rolando sulla sua squadra, mentre sul suo futuro dichiara che “Mi sto trovando bene. Sono però in prestito, c’è tempo e non mi va di dire niente. L’importante è stare con la mia famiglia, non è facile per i bambini cambiare posto continuamente”. 

Stupito dal Campionato Italiano: “Quando guardavo le partite non mi sembrava molto veloce, mi sembrava che tutte le squadre aspettassero indietro, invece aspettano anche, ma la ripartenza poi è molto veloce”, racconta di quando firmò il suo primo contratto importante: “Il primo importante è stato nel 2004, quando ho terminato la stagione con l’Under 19 mi ha chiamato il procuratore. Mi ha detto che mi sarei allenato con la prima squadra. Non sapevo neanche che fare. La prima telefonata l’ho fatta a mio nonno. Un nonno è diverso, il nonno ti dice sempre puoi farlo, non dice mai di no”.

A Milano si trova bene, ma ha preferito andare a vivere lontano dalla città: “A Milano la mia famiglia aveva bisogno di tranquillità e quindi abbiamo scelto di vivere lontano dalla città. Quando facciamo un giro al centro prendiamo la metropolitana. I tifosi guardano e dicono: No, ma non è Rolando“. 

Durante la sua esperienza a Napoli ha imparato a dire qualche parola anche in dialetto, mentre per quanto riguarda il cibo italiano lo aveva già provato a Capo Verde, posto che gli manca tantissimo: “Mi manca. I miei amici sono quasi tutti andati in altri posti, ma comunque qualcuno è ancora lì. Ieri mi ha telefonato uno che mi ha spinto a giocare davvero a calcioQuando arrivo lì la prima cosa che faccio è guardare il mare“. 

Leggi anche–> Rolando: “Consiglierei a Cristiano Ronaldo di venire a giocare all’Inter”

Leggi anche–> Analisi della stagione dell’Inter dopo 13 giornate