Notizie Milan Primavera: il Torneo di Viareggio rilancia il settore giovanile

Il Milan torna alla vittoria nel Torneo di Viareggio grazie ad una squadra che ha dimostrato di non arrendersi di fronte a nessun ostacolo: degno carattere che arriva ai giovani calciatori della Primavera dal suo allenatore, quel Filippo Inzaghi che ha fatto sognare tutti i tifosi del Milan da calciatore e che ora riesce a regalare gioie anche da allenatore. Un trionfo che ha anche evidenziato il ritorno del settore giovanile dei rossoneri ad alti livelli, e la speranza di poter dare una continuità a quel progetto giovani, indotto due stagioni fa dalla forte crisi economica.

Dunque la dirigenza del Milan ha di che sperare per il futuro: proprio come Barcellona, Ajax e magari lo stesso Anderlecht, battuto in finale della Viareggio Cup. A questo punto si possono iniziare a mettere da parte i tanti nomi di flop provenienti dall’estero (basti pensare ai vari Traoré, Taiwo, Vergara, per fare qualche recente nome…) e magari dare spazio a qualche giovane di prospettiva che possa non costare molto e soprattutto regalare un futuro di gioie al Milan. D’altronde basti pensare a gente come Maldini o Baresi, che hanno fatto la storia dei colori rossoneri arrivando in prima squadra dal settore giovanile.

Dunque a questo punto si può seriamente iniziare a pensare ad un Milan protagonista, anche grazie alla nuova linfa data da tecnici giovani come Inzaghi e Seedorf, prima protagonisti in campo e ora anche nel dare direttive ai ragazzi: il tecnico olandese della prima squadra potrebbe dare qualche chance ai giovani protagonisti del Torneo di Viareggio 2014 anche in questa stagione, come successo ad esempio per Andrea Petagna. E’ arrivato dunque il momento di puntare con decisione al settore giovanile del Milan e soprattutto di dare fiducia ai ragazzi, senza mandarli necessariamente via in cambio di (presunti) talenti in arrivo dall’estero.

Leggi anche -> Milan, un altro addio importante: a giugno lascerà …

Leggi anche -> “Capello parla male della serie A perché non c’è più”, parola di ….