Pagelle Cesena-Milan 1-1: partita appena sufficiente per i rossoneri

Il Milan viene bloccato sull’1-1 al Manuzzi da un buon Cesena. Non ottengono una piena promozione gli uomini di Inzaghi, appena sufficienti. Le pagelle del Diavolo eleggono Bonaventura migliore in campo, mentre Abbiati e Zapata sono i peggiori.

I rossoneri partono bene ma devono subire, dopo appena dieci minuti, la doccia fredda del gol di Succi, che sfrutta al meglio un’indecisione di Abbiati. Gli uomini di Inzaghi raggiungono, già al ventesimo minuto, il pareggio con un bel colpo di testa di Rami, servito su calcio d’angolo da Honda. La partita non riesce però a decollare e a prendere la piega giusta, perché il Cesena chiude al meglio tutti gli spazi, concedendo pochissimo agli avversari. Mister Inzaghi, obbligato a rinunciare ad El Shaarawy nel finale di partita, a causa dell’espulsione di Zapata, deve fare i conti con un’altra prestazione incerta da parte dei suoi ragazzi. Con questo pareggio i rossoneri si portano a quota 8 punti, raggiungendo Verona, Sampdoria e Inter al quarto posto nella classifica provvisoria della Serie A.

Abbiati 5: La sua partita inizia con un incubo: sul primo tiro in porta da parte del Cesena, apparentemente innocuo, è indeciso se bloccare il pallone o spingerlo verso l’esterno. Il risultato? La palla rimane lì a portata di Succi per il gol del momentaneo vantaggio bianconero. Il suo errore risulterà decisivo per il risultato finale.

Abate 6,5: E’ ancora il terzino più propositivo del Milan, soprattutto nel primo tempo. Crea diversi pericoli sulla catena di destra insieme ad Honda; entrambi caleranno alla distanza.

Rami 6,5: Dopo Mexes, era il centrale tenuto meno in considerazione da Inzaghi. Il tecnico rossonero sta iniziando a ricredersi su di lui: bravo nelle uscite ed efficace negli interventi in copertura. Suo il gol del pari, che regala un punticino al Milan.

Zapata 5: Il centrale colombiano gioca una partita tutto sommato accettabile, ma commette il secondo errore decisivo di giornata, intervenendo in ritardo su Defrel lanciato a rete: l’episodio costerà a lui il cartellino rosso e al Milan la possibilità di centrare la vittoria finale.

De Sciglio 6: Il giovane laterale rossonero fornisce una prestazione nettamente migliore delle precedenti. E’ molto attento in copertura, difetta, nel secondo tempo, la misura dei cross per i compagni.

De Jong 6: Il cambio di modulo gli offre l’opportunità di avere più spazio per impostare la manovra e l’olandese, sotto quest’aspetto, risponde positivamente. Anche lui, però, non riesce ad avere la lucidità necessaria per rendere più efficaci le sue giocate, soprattutto nell’ultima parte della gara.

Poli 6: Inizia molto bene la sua partita, con corsa, grinta e aggressività. Non riesce ancora ad avere la personalità necessaria per rendere più “autorevole” il centrocampo del Milan. (Dal 71′ Essien 5,5: Non è al top della condizione e non influisce granché sulla manovra del centrocampo del Milan).

Honda 6,5: Il trequartista giapponese è il migliore in campo nella prima frazione di gioco. E’ molto attivo sulla destra, insieme ad Abate, e crea diversi pericoli ora su calcio piazzato, ora su azione manovrata. Si eclissa nel secondo tempo, per poi essere sostituito dopo l’espulsione di Zapata. ( Dal 75′ Alex 6: Con lui al posto di Zapata il Milan,anche in dieci uomini, corre pochissimi rischi).

Menez 6: Ancora una discreta prestazione da parte del giocatore francese, se non fosse che gli manca lo spunto decisivo negli ultimi metri. Appare stanco e un po’ appannato.

Bonaventura 7: Rischia molto in un contrasto a centrocampo alla fine del primo tempo, che per sua fortuna gli costerà solo un giallo. Jack fa tutto bene e con facilità: fornisce qualità e palleggio al centrocampo rossonero, crea occasioni per i compagni, che assiste puntualmente e con precisione. Sfiora di un nulla il gol nella prima mezz’ora di gara: alla fine gli è mancato solo quello.

Torres 5,5: E’ sembrato troppo spesso svogliato e approssimativo, sia nelle giocate sia nei movimenti d’attacco. Ha un paio di palloni a disposizione, non di più, che però spreca malamente. (Dal 71′ Pazzini 5,5: Gioca pochi palloni perchè si trova troppo isolato in avanti).

Leggi anche: