Pagelle Hellas Verona-Milan 1-3: superato l'esame del Bentegodi

Il Milan batte per 3-1 l’Hellas Verona al Bentegodi, grazie alla doppietta di Honda e allo sfortunato autogol di Marques. Le pagelle dei rossoneri raccontano di una partita dominata a tratti con alcuni brividi nel finale che non hanno comunque impedito agli uomini di Inzaghi di portare a casa i tre punti. Il Verona, dal canto suo, ha disputato una buona gara, ma gli uomini di Mandorlini nulla hanno potuto di fronte all’uno-due del Milan nel primo tempo e al gol del tre a zero siglato ancora da Honda che ha chiuso definitivamente i giochi. Non è bastata a riaccendere le speranze dei gialloblù la rete di Nico Lopez nel finale di partita. I rossoneri si portano così a quota 14 punti in classifica, al quarto posto dietro la Sampdoria.

Abbiati 6,5: Effettua due parate spettacolari nel primo tempo, su Toni e Jankovic, che permettono alla sua squadra di andare al riposo con il doppio vantaggio. Nella ripresa deve arrendersi al gol di Nico Lopez.

Abate 6,5: Stavolta non mette a segno nessun assist, ma piuttosto una sorta di mezzo gol grazie alla sfortunata collaborazione di Marques. Presidia molto bene la sua zona, supportando con puntualità le azioni d’attacco del Milan.

Alex 7: Concede pochissimo a Toni e compagni, grazie al suo strapotere fisico e alla sua autorità. Si distingue al minuto 65 per un salvataggio decisivo su Juanito Gomez.

Rami 6,5: Anche lui è bravo come il compagno di reparto nel limitare al massimo le iniziative dell’attacco gialloblù. E’ autore di un bellissimo assist per Honda, nell’azione del 3-o.

De Sciglio 5,5: Ancora una volta non brilla per iniziativa e lucidità. Soffre molto sulla sua fascia di competenza le iniziative di uno scatenato Lopez nel finale di partita.

Essien 6: Ordinato e attento ad inizio gara, perde la sua disciplina con il passare dei minuti. Il Milan non riesce a dominare l’avversario a centrocampo, perché lui, assieme ai compagni di reparto, non mantiene alta la concentrazione per tutti i 90 minuti.

Poli 6: Alterna delle buone iniziative a momenti di colpevole assenza dal gioco. Deve migliorare sul piano della personalità e della presenza, in modo da tenere sempre alta l’attenzione della mediana rossonera.

Muntari 6,5: Non ha un grande passo, ma riesce a supportare bene i compagni con dei buoni cambi di gioco. E’ più preciso che in altre circostanze e limita bene gli avversari che fronteggia a centrocampo.

Honda 7,5: Per la seconda volta consecutiva il giapponese è l’uomo partita del Milan. Mette a segno una splendida doppietta, che lo porta in testa alla classifica cannonieri del campionato assieme a Tevez, sfruttando al meglio le imbeccate di El Shaarawy prima e di Rami poi. Il Samurai è l’uomo in più di Inzaghi di questo inizio stagione. (dall’85’ Bonera: s.v.).

Torres 5,5: Lotta con maggiore volontà rispetto alle partite precedenti. Non gli riescono le giocate migliori, vuoi a causa di una non brillante condizione fisica, vuoi perché non si è ancora integrato al meglio negli schemi di mister Inzaghi. (dal 68′ Menez 6: Non può esprimere tutto il suo potenziale offensivo perché entra in un momento della partita in cui i suoi compagni di squadra pensano solo a difendere il risultato).

El Shaarawy 6: L’assist per il 2 a 0 di Honda è bello ed efficace ma, lampi di genio a parte, la sua partita è fatta più di imprecisioni che di belle giocate. La volontà e la grinta non gli mancano, per questo tornerà presto nella condizione migliore.(dal 76′ Bonaventura 6: Lavora bene in soccorso al centrocampo milanista, un po’ troppo in affanno nei minuti finali).

Leggi anche: