Pagelle Parma-Milan 4-5: incredibile sagra del gol al Tardini

Il Milan espugna il Tardini, imponendosi, non senza difficoltà, su un Parma mai domo. I rossoneri salgono a 6 punti in classifica, raggiungendo in vetta Juventus e Roma. Una serata a dir poco pazzesca quella del Milan in casa dei gialloblù: nove gol complessivi, inclusa la clamorosa autorete di De Sciglio, due espulsioni e il capolavoro di Menez, assoluto mattatore della serata.

Diego Lopez 5: In tre gol su quattro non ha responsabilità, poi l’incredibile quanto goffo autogol subito da un alleggerimento apparentemente innocuo di De Sciglio. La fragile difesa rossonera non l’aiuta.

De Sciglio 5: Passa un primo tempo tutto sommato tranquillo. Nella seconda frazione di gioco viene coinvolto nel blackout generale della difesa rossonera. Il suo autogol è quasi grottesco, ma nell’occasione ha maggiori responsabilità D. Lopez.

Bonera 4,5Serataccia per il capitano rossonero. Assente in centro area per il momentaneo pareggio di Cassano, perde di vista anche Felipe in occasione del secondo gol del Parma. Viene espulso al 59′ per un fallo di mano al limite dell’area,rischiando il calcio di rigore.

Alex 5,5: Il roccioso difensore brasiliano non ripete la bella prestazione con la Lazio. Sul primo gol condivide i demeriti con Bonera per la mancata marcatura di Cassano. In generale, non da mai l’impressione di essere in partita. (Dal 61′ Zapata 6,5: E’ probabilmente il centrale della squadra che sta meglio. Perchè non schierarlo dall’inizio?).

Abate 6,5: E’ protagonista di una buona prestazione, impreziosita con l’assist per il secondo gol di Honda e una progressione quasi vincente nel secondo tempo. Si salva dal generale disastro difensivo rossonero.

Poli 6,5Contiene bene e imposta in maniera altrettanto convincente nella prima parte di gara. E’ costretto ad un maggior sacrificio quando la squadra rimane in dieci.

De Jong 8: A partire dal ’59 minuto, col Milan in difficoltà e in inferiorità numerica, inizia una partita straordinaria, fatta di palloni sradicati e opposizioni decisive agli attacchi avversari. Il suo gol , quello del momentaneo 4-2, è l’emblema del suo gioco, fatto di grinta, sacrificio, ma anche di grande qualità   

Muntari 6: Tanto lavoro oscuro per il centrocampista ghanese. Esce bene alla distanza, con esperienza, nel momento più difficile della gara.

Bonaventura 7: Il suo esordio non tradisce le ottime impressioni che erano emerse nei primi allenamenti a Milanello. Un gol di pregevole fattura, assieme ad una prestazione più che convincente, danno sostanza alla sua serata.

Menez 9: Il francese si rende protagonista di una prestazione superlativa. Risulta decisivo in occasione di quattro gol su cinque, mettendo a segno una doppietta. Gli riesce praticamente tutto; mette in costante apprensione la retroguardia parmense con le sue accelerazioni  e i suoi movimenti. Il gol di tacco, che risulterà decisivo per la vittoria del Milan, è un autentico capolavoro. (dall’85’ Niang: s.v. )

Honda 7: Nel primo tempo mette a segno un gol e un assist. Riesce a dare qualità al centrocampo del Milan e in attacco duetta splendidamente con Menez. Inzaghi è costretto a sacrificarlo dopo l’espulsione di Bonera. (dal 61′ Rami 6: entra nel momento peggiore della partita per la pressione subita dalla retroguardia rossonera, se la cava senza commettere errori di sorta).

Leggi anche: