Pagelle Sampdoria-Milan 2-2: El Shaarawy torna al gol, ma non basta

Nell’anticipo serale dell’undicesima giornata di Serie A, Sampdoria e Milan pareggiano 2-2, per effetto delle reti di El Shaarawy e Okaka nel primo tempo e di Eder e Menez, su rigore, nel secondo. Le pagelle dei rossoneri evidenziano il ritorno al gol del “Faraone”, migliore in campo dei suoi. Bella partita al Marassi. I ragazzi di Inzaghi partono benissimo, trovando subito il gol, ma subiscono poi la rimonta blucerchiata tra la fine della prima frazione di gioco e l’inizio della seconda. Il Milan, a sua volta, reagisce allo svantaggio, siglando il 2-2 su rigore, che premierà il forcing profuso nell’ultima parte del match. All’85’ verrà espulso Bonera su fallo di Okaka, episodio quest’ultimo che non cambierà l’esito finale dell’incontro. I rossoneri salgono a quota 17 in classifica, a soli 3 punti dal terzo posto, occupato proprio dalla squadra di Mihajlovic.

D. Lopez 6,5: Impotente sui gol, si disimpegna alla grande sulla sassata di Soriano al 89′, salvando il risultato.

De Sciglio 5,5: Viene impiegato inizialmente a destra, dove dimostra di non soffrire troppo le scorribande di Eder; fa bene il suo compitino, ma non aggiunge nulla in più alla gestione dell’ordinaria amministrazione.

Rami 6: Ingaggia un duello fisico bello e impegnativo con Okaka, che avrà esiti alterni: l’attaccante doriano è in palla e va anche in gol. Lui però non perde la testa e tiene bene in una difesa purtroppo ancora da rivedere.

Mexes 5,5: Il centrale francese è alle volte troppo rude, come nell’occasione che gli costa nel primo tempo l’ammonizione. Non se la cava malissimo, ma nell’azione dell’angolo che porta al raddoppio blucerchiato è una delle “belle statuine” della retroguardia di Inzaghi.

Bonera 4,5: Dalla sua parte si soffre e tanto. La Samp vede su quella fascia l’anello debole di una difesa tutt’altro che impenetrabile. Si guadagna l’espulsione per un doppio giallo, per due falli su Okaka praticamente identici. Da rivedere.

Essien 5,5: Non incanta per ritmo e dinamismo. Giostra bene il gioco assieme a De Jong nella prima parte di gara, quando i ritmi sono bassi; poi, nella ripresa, si perde un po’ e non riesce più a dare sostanza alla mediana rossonera.

De Jong 6: L’olandese sembra a suo agio per tutto il primo tempo: detta bene i tempi e controlla la sua zona con la consueta autorità. La reazione della Sampdoria lo coglie impreparato e sbanda assieme alla squadra in quei 20-25 minuti tra la fine di un tempo e l’inizio dell’altro. Si rivede nel forcing finale.

Bonaventura 6: E’ il centrocampista chiamato a far da raccordo tra mediana e attacco, cosa che fa molto bene fino al gol di Okaka; si fa coinvolgere nel calo generale della squadra, per poi riemergere dopo il pareggio di Menez. Sfiora il gol all’82’, su una bella imbeccata di Torres.

Honda 4: Assente ingiustificato del match del Marassi. Il giapponese non solo non è in partita, ma evita quasi di prendervi parte. (Dal 58′ Torres 6: Lo spagnolo dà maggiore consistenza all’attacco del Milan; ci mette tanta voglia, ma gli manca ancora il guizzo vincente)

Menez 6,5: Fa mille cose, da un lato all’altro dell’attacco rossonero. Moto perpetuo, non è la classica punta da area di rigore, ma è bravo nell’aprire gli spazi ai compagni di squadra. Una sua iniziativa sulla fascia porta al fallo di Mesbah e al calcio di rigore, che trasforma magistralmente. (Dall’ 86′ Poli s.v.).

El Shaarawy 7: Finalmente oggi possiamo dire che, a fronte di una ottima prestazione, non gli manca il gol. Al 9′ minuto prende una palla sulla trequarti, punta il suo diretto marcatore, la sposta sul destro e realizza un capolavoro a giro che si insacca alle spalle dell’incolpevole Romero. Bene per tutta la partita, mette in costante allarme la difesa di Mihajlovic e gli riesce anche qualche bel duetto con Menez. Ispirato.

Leggi anche: