Parma-Milan, l'ex Crespo: "Giocare al Tardini non è semplice"

Nel mondo del calcio esistono tantissimi giocatori che hanno vestito più di una maglia e, soprattutto, sono rimasti nei cuori dei tifosi di due o più casacche. Hernan Crespo, storico attaccante argentino, è sicuramente uno degli esempi più eclatanti e si può tranquillamente affermare che abbia lasciato uno splendido ricordo in ogni città dove ha avuto modo di giocare. Domenica prossima, nella gara valevole per la seconda giornata di campionato, lo stadio Tardini sarà il teatro di Parma-Milan, ovvero lo scontro tra le due squadre in cui Hernan è cresciuto, mostrandosi alle platee dai “palati fini” della Champions League. Non è dunque un caso che l’ex attaccante, attualmente tecnico della Primavera del Parma, abbia scelto proprio la città emiliana come luogo in cui vivere con la famiglia e, visto il trascorso e in occasione di Parma-Milan, non potevano mancare le sue considerazioni.

“I rossoneri devono dimostrare di non essersi montati la testa dopo la Lazio, i gialloblu possono fare il colpaccio”, esordisce Crespo ai microfoni della Gazzetta di Parma. In effetti la paura per i tifosi del Milan di un calo di concentrazione della squadra è sempre in agguato, soprattutto perché la stagione è appena cominciata e la continuità di rendimento non si può raggiungere nell’arco di due settimane. Crespo continua poi ricordando le insidie che si celano dietro questa partita e che Inzaghi conosce molto bene: “Chi conosce il Tardini come lo conosce Inzaghi sa che il Parma non regalerà nulla, sa che giocare al Tardini non è mai semplice“.

Parole quanto mai sacrosante se pensiamo che il Parma di Donadoni nella scorsa stagione è riuscito a raggiungere ben 17 risultati utili consecutivi tra casa e trasferta, assoluto record storico per i ducali. Crespo spende anche belle parole per Antonio Cassano, un giocatore che fa dell’estro il suo punto forte: “Spero che il Parma ritrovi la mentalità dell’anno scorso, perché potrebbe addirittura fare il colpaccio, perché con Cassano ci si può permettere di sognare”. Il talento di Bari Vecchia sarà infatti il giocatore più pericoloso che il Milan avrà da affrontare, con le sue giocate imprevedibili e la grande voglia di tornare in pista. Crespo queste cose le sa molto bene e al Milan sono tutti avvisati.

TUTTE LE NOTIZIE SU PARMA-MILAN

Leggi anche: