Razzismo nelle Giovanili del Milan: maxi squalifica per un allievo rossonero

Gravissimo episodio di razzismo che sulle cronache nazionali non ha trovato grosso spazio negli ultimi mesi, ma che ora vede la sua conclusione e vede protagonista un giovane calciatore del Milan, facente parte della rosa degli Allievi. Era il 24 marzo 2014 quando si giocava il derby Milan-Inter nel campionato Allievi, con la squadra rossonera guidata da Christian Brocchi: dopo il 5-0 realizzato dal baby talento Cosimo Marco La Ferrara, 16 anni, accade qualcosa di a dir poco increscioso.

Il calciatore del Milan infatti si rivolge all’avversario Opoku e dopo avergli mostrato il gesto della mano, appunto per sottolineare la pesante sconfitta, gli rivolge l’offensiva frase “è per te negro di …”. Episodio che creò immediatamente scalpore in casa Milan, con Brocchi che obbligò immediatamente il calciatore degli Allievi a chiedere scusa, dopo averlo sostituito e che avrebbe poi costretto fuori per ben quattro giornate.

A distanza di sei mesi arriva una pesante punizione per il giovane calciatore degli Allievi: cinque giornate di squalifica, graziato dunque dato che ne erano state inizialmente previste dieci, e 5000 euro di ammenda al Milan che ha già preso provvedimenti nei confronti del ragazzo che comunque rientra nel progetto di crescita dei ragazzi delle Giovanili rossonere. Dunque dopo il clamore che sollevò proprio Boateng quando vestiva la casacca del Milan, ecco un episodio di razzismo increscioso che ha come protagonista un tesserato rossonero: nella speranza che serva da lezione al giovane La Ferrara e all’intero settore degli Allievi, laddove crescono i ragazzi che un giorno calcheranno i terreni della serie A.

Leggi anche: