Real Madrid-Atletico 2-2, Torres rinato dopo il Milan

Sono passate solo poche ore dalla fine del match che ha portato all’eliminazione dalla Coppa del Re del Real Madrid di Carlo Ancelotti, squadra super che da diversi mesi sta dominando e collezionando trofei su tutti i campi del globo. Ieri sera, però, gli acerrimi nemici dell’Atletico Madrid del ‘Cholo’ Simeone hanno giocato un brutto scherzo alle merengues, strappando al Bernabeu un 2-2 che è valso ai biancorossi il passaggio del turno nella coppa nazionale, dopo il vittorioso 1-0 dell’andata al Calderòn. Mattatore della serata è stato proprio lui, l’ex oggetto misterioso del Milan Fernando Torres che ha rifilato due reti di pregevole fattura al Real campione del mondo e ha spedito un messaggio chiaro all’universo rossonero: nell’Atletico sembra rinato il vecchio Torres.

Lo spagnolo, che fino al match di ieri non aveva mai segnato al Bernabeu, ha scelto il palcoscenico e la serata ideale per mandare in scena la sua rivincita, sottraendo qualche riflettore a Cristiano Ronaldo che prima del fischio di inizio aveva mostrato alla platea il suo terzo Pallone d’Oro. Due lampi quelli di Fernando: il primo ad inizio partita, colpendo di sinistro a volo su un cross di Griezmann dalla sinistra; il secondo ad inizio ripresa, chiudendo di piatto in porta dopo un pregevole dribbling secco a rientrare su Pepe.

Il bomber ritrovato ha poi commentato la sua serata senza nascondere la sua felicità: “Sono davvero felice perché sono riuscito a segnare al Bernabeu, stadio nel quale non avevo mai segnato. Abbiamo giocato una grande partita, come volevamo. Una grande serata!” Adesso non rimane che aspettare e vedere se Fenando Torres riuscirà a continuare su questa strada, magari alimentando il rimpianto del popolo rossonero a suon di gol, anche se una cosa è certa: dopo la serata del Bernabeu sembra davvero che non abbia dimenticato come si fa.

Leggi anche: