Rimonta Juve, Lichtsteiner: "Siamo forti, non sono sorpreso"

Quando siamo ormai giunti alle ultime “battute” del 2015, Stephan Lichtsteiner, ai microfoni di Mediaset Premium, ha provato a stilare un bilancio dei 12 mesi della sua Juventus: “Sapevamo che sarebbe stato un anno difficile, visto anche il cambio d’allenatore. Siamo una squadra forte, con grandi campioni che giocano ad alti livelli da anni, quindi anche per questo non sono sorpreso della stagione”.

In estate la Juve ha perso giocatori del calibro di Vidal, Tevez e Pirlo, leader tecnici e carismatici, risentendone parecchio soprattutto fino alla sconfitta di Sassuolo. Ma ora i bianconeri sono tornati in alto: “All’inizio di quest’anno ci siamo trovati in difficoltà. Non segnavamo e subivamo al primo tiro in porta che concedevamo. Dopo la sconfitta contro il Sassuolo abbiamo parlato tra di noi, ma saremmo ripartiti anche senza parole perché siamo una squadra forte quindi non sono rimasto sorpreso dal fatto che siamo tornati ai nostri livelli”.

Lichtsteiner ha detto la sua anche sul paragone tra Tevez e Dybala: “E’ un paragone che non mi piace perché Carlos ha nove anni in più rispetto a Dybala, ha vinto di più, ha fatto il suo percorso ed è un campione vero. Anche Paulo può diventare molto forte, ma non si può fare un paragone tra un 20enne e un 30enne: si vedrà cosa farà Paulo nei prossimi 10 anni”.

Leggi anche –> Lichtsteiner: “Contro il Bayern senza paura”

Leggi anche –> E’ Mandragora il primo acquisto di gennaio!