Roeslani, il socio di Thohir: "Con la Bumi è tutto risolto, l'Inter non c'entra"

Negli ultimi tempi si è fatto un gran parlare dell’affare che ha portato la cordata guidata da Erick Thohir ad acquisire la maggioranza dell’Inter, ma mentre il magnate indonesiano è sempre stato sotto i riflettori, ben poco si è saputo finora dei suoi due soci in affari.

Cade quindi come una doccia gelata la notizia riportata dal Telegraph, secondo la quale Roeslan Roeslani, per l’appunto uno degli altri due imprenditori del gruppo insieme a Handy Soetedjo, sarebbe indebitato di ben 201 milioni di dollari (pari a circa 148 milioni di Euro) nei confronti della Berau Coal, società controllata dall’inglese Bumi, che opera nell’estrazione ed esportazione del carbone e della quale Roeslani era amministratore.

La notizia della conclusione della trattativa con Moratti per una cifra attorno ai 300 milioni di Euro ha lasciato senza parole la società inglese: dopo essersi dimesso nel dicembre scorso, Roeslani aveva infatti raggiunto un accordo per il rimborso di buona parte dell’ammanco (si parla di circa 173 milioni di dollari, ovvero 123 milioni di Euro), ma la Bumi, che a causa del buco ha dovuto sospendere la sua quotazione in borsa per due mesi, non ha ancora ricevuto quei soldi.

Il Presidente dell'Inter Massimo Moratti“E’ illogico qualsiasi collegamento tra la situazione con la Bumi e l’investimento nell’Inter” si difende il diretto interessato in un’intervista rilasciata a Bloomberg News: “L’argomento è vecchio ed è stato affrontato tempestivamente e nella massima trasparenza.” La situazione rimane insomma incerta, ma fonti vicine alla Bumi assicurano che, ora che l’acquisizione della maggioranza nerazzurra è andata in porto, verrà dedicata una particolare attenzione alle proprietà di Roeslani.

Leggi anche –> Thohir esonera Mazzarri? Montella in pole position

Leggi anche –> Calciomercato Inter 2013-2014: arriva Ramirez a gennaio?