Roma-Inter si giocherà con le curve chiuse

La Corte di Giustizia Federale ha confermato la squalifica delle due curve della Roma, che rimarranno dunque chiuse per Roma-Sampdoria di domenica prossima e Roma-Inter di domenica 2 marzo. Respinto, quindi, il ricorso presentato dal club giallorosso dopo la squalifica comminata dal Giudice sportivo per i cori di discriminazione territoriale durante Roma-Napoli di Coppa Italia (5 febbraio). In mattinata, intervenendo alla presentazione della mostra “Roma ti amo”, il direttore generale Mauro Baldissoni aveva detto: “Quello delle curve chiuse è un problema di sistema, non dei tifosi”.

Situazione da sfruttare quindi in casa Inter, visto che la Roma, che all’andata aveva trionfato a San Siro per 3-0, ha una delle tifoserie più calde e appassionate della Serie A. Gli uomini di Rudi Garcia dovranno fare quindi a meno dell’incitamento dei loro tifosi, che mai negli ultimi anni avevano visto una squadra dal rendimento così costante.

La Roma è, infatti, seconda in classifica a quota 51 punti, nove in meno della Juve aliena guidata da Conte. L’Inter di Walter Mazzarri invece, è ancora un cantiere aperto dove la vittoria, ritrovata finalmente nell’ultima gara interna contro il Sassuolo, non ha spazzato via del tutto le incertezze che i nerazzurri continuano a mostrare in campo. Giocare quindi contro la Roma, priva del supporto dei tifosi, potrebbe agevolare la squadra milanese vista anche la folta presenza di giovani nella rosa che spesso soffrono eccessivamente la pressione delle gare importanti e dell’ambiente tutto. Kovacic & Co. potrebbero disputare così un gara più serena, avendo la possibilità di crescere ulteriormente sotto la guida del tecnico.

TUTTO SU ROMA-INTER