Rosetti nuovo designatore arbitrale: è lui il successore di Braschi

Rosetti prenderà il posto di Braschi. E’ questa l’ultima indiscrezione che è uscita fuori dal ciclone che ha colpito la classe arbitrale italiana dopo gli ultimi avvenimenti che stanno sconvolgendo il campionato di Serie A. SE l’attuale designatore si affanna ancora a proteggere le giacchette nere, allo stesso tempo c’è chi lavora per defenestrarlo e far spazio all’ex collega Roberto Rosetti che è stato capo degli arbitri russi fino a qualche settimana fa.

Le ultime polemiche, sia quelle relative al caso Borja Valero sia quelle relative al derby della Mole, hanno spinto per un’accelerazione in tal senso: sono gli stessi club che si sentono più tartassati, vedi Fiorentina, che vogliono il cambiamento. D’altronde Braschi è in sella dall’8 luglio 2010 dopo aver preso l’ingombrante eredità di Collina. Certo per regolamento Braschi deve andare via dall’Aia, ma c’è chi vorrebbe defenestrarlo sin da subito senza aspettare la conclusione del torneo.

In corsa insieme a Rosetti classe 1967, ex arbitro internazionale, una stagione da designatore Can B, poi dal 28 giugno 2011 capo arbitri di Russia, ci sono altri due nomi, che al momento sembrano più staccati. Si tratta di: Domenico Messina (attuale designatore Can B) e Stefano Farina (Can Pro). Per avere l’ufficialità però bisogna aspettare il 30 giugno, ma Rosetti si prepara alla successione.

Leggi anche — > Squalificati Serie A 25a Giornata: Stop di quattro turni per Borja Valero

Leggi anche — > Moviola Juventus-Torino 1-0: su El Kaddouri era Rigore (Video)