Salernitana-Benevento, Brini “Andiamo a Vincere”

Il Benevento e forte, questo è noto a tutti, e Brini è un ottimo allenatore che riesce a far rendere la squadra al massimo nelle partite decisive. Proprio quando allenava la Salernitana ne ha dato la dimostrazione. E’ ancora negli occhi di tutti quell’inizio partita di Ancona, nel campionato 2007-08, dove la Salernitana nella gara decisiva indirizzò la gara (terminata poi 2-2) nei primi 10 minuti di gara con due gol, riuscendo a mantenere la testa della classifica

Il calcio di Brini non punta mai al pareggio, ma vuole i tre punti, e  il modo che hanno le sue squadre di difendersi è quello di tenere gli avversari lontani dalla propria area di rigore. Il Benevento è geneticamente costruito per attaccare. Emblematico è il finale di partita a Castellammare di Stabia, campo questo dove uscire con un punto sa di impresa nella normalità. In quell’occasioni i giallorossi, sotto di un gol pareggiano e anziché festeggiare corrono a prendere il pallone per riportarlo a centrocampo. Questo è dimostrazione di forza e consapevolezza di se stessi.

Gli uomini di Menichini sono avvisati. Se sperano che il Benevento si spaventi di fronte ai ventimila dell’Arechi si creano illusioni. Brini lo ha detto chiaramente che a Salerno si va senza timori e per vincere. Menichini deve stare in guardia.

Leggi anche: