Salernitana, Menichini sarà esonerato?

Sessantaquattro punti, prima posizione in condivisione col Benevento (ma se finisse oggi i la Salernitana sarebbe in B grazie agli scontri diretti) 21 reti subite al passivo, miglior difesa della lega pro. 64 punti dopo trenta giornate è un record quasi assoluto. Le occasioni in cui la capolista aveva totalizzato un numero di punti del genere a 8 giornate dalla fine si contano sulle dita di una mano. La Salernitana di Menichini è una tra le migliori squadre di Lega Pro della storia, indipendentemente da come finirà il campionato, ma alla gente di Salerno il tecnico toscano non è mai andato a genio. Menichini ha sostituito ad inizio campionato un tecnico come Somma che era amatissimo dalla piazza. Sarà questa la sua colpa?

I tifosi a fine gara contro il Matera hanno chiesto a Lotito di esonerarlo, ma probabilmente, Lotito, da uomo di calcio qual è, non caccerà il tecnico. Sarebbe interessante capire come mai Menichini non è mai andato giù alla piazza. La Salernitana, per giunta, non partiva di certo con i favori del pronostico (con questo termine si intendono non le chiacchiere da bar o da trasmissione televisiva, ma i pronostici veri dei bookmakers) dove Benevento e Lecce, ad inizio campionato erano in pole position.

Oggi, nel calcio moderno, quello che sta accadendo a Salerno è lo specchio di ciò che accade a livello nazionale e non solo. Non bastano i risultati, non basta il gioco (e quello espresso dai granata in questo campionato è stato per lunghi tratti esaltante), non basta il primo posto. Conta l’immagine più di ogni altra cosa. Anche a Madrid i tifosi chiedono la testa di Ancelotti.

Leggi anche: