Seedorf, no al Galatasaray: esonero unica soluzione del Milan?

Il divorzio tra Clarence Seedorf e il Milan si fa sempre più intricato e il tutto viene complicato dal rifiuto dell’olandese al Galatasaray nelle ultime ore. Seedorf sembra quindi intenzionato a non darla vinta al Milan che lo fa “tradito” dandogli il benservito dopo appena cinque mesi dal suo ingaggio e con il quale ha un contratto fino al 30 giugno 2016 a 2,5 milioni di euro a stagione. Le motivazioni del rifiuto del Professore a “collaborare” con il Club di via Rossi potrebbero non essere di natura economica.

La società rossonera, in caso di nuovo allenatore, e ormai l’approdo di Inzaghi in Prima Squadra è certo, e di mancato approdo del Professore in un’altra panchina, dovrà pagare all’olandese 10 milioni di euro, su questo non ci sono dubbi, ma il tecnico olandese sembra non aver preso bene la scelta della società, vista come una sorta di tradimento. Il nodo si complica ulteriormente osservando le ultime mosse di Seedorf.

Il Professore non parla, ma il suo agente sembra aver chiesto al Milan l’esonero. Tra le due parti si è dunque avviato un vero e proprio braccio di ferro, nessuno dei sue vuole cedere, ma al momento è Clarence Seedorf a condurre i giochi e il rifiuto della proposta offerta dal Galatasaray ne è la testimonianza. Quale sarà la prossima mossa del Milan?

Leggi anche-> Seedorf “esonerato” dal Milan, i tifosi ringraziano

Leggi anche-> Filippo Inzaghi Allenatore del Milan: si attende l’ufficialità

Leggi anche-> Allenatore Milan, Ancelotti: “Inzaghi ha le giuste qualità”