Serie A 2014-15: la Top 11 della 20a giornata

A conclusione della 20a giornata del campionato di Serie A, CalcioNow.it ha stilato la sua top 11 schierando in formazione un 4-4-2 che vede Padelli in porta, Moretti, Morganella, Lichtsteiner e Widmer in difesa; a centrocampo Pogba, Parolo, Vazquez e Ljajic e in attacco la coppia composta da Klose e Higuain. Allenatore di questa top 11 è il tecnico della Lazio, Stefano Pioli.

PADELLI. Il Torino non si trova di fronte una grande Inter. La squadra di Mancini crea poche occasioni, in particolare con Podolski, e in quelle poche volte Padelli si fa trovare pronto.

MORETTI. Vittoria storica quella del Torino sull’Inter, così l’ha definita Darmian. Il terzino, così come il resto della squadra granata, deve ringraziare principalmente il compagno Moretti se Inter-Torino si è conclusa con il trionfo dei piemontesi. Il difensore si è trovato nel posto giusto, il primo palo della porta difesa da Handanovic, al momento giusto, il 94′. Un gioco da ragazzi la deviazione in rete per Moretti su evoluzione di calcio d’angolo.

MORGANELLA. Dopo un primo tempo tra le righe e con un salvataggio non da poco su conclusione di testa di Eder al 15′, il difensore del Palermo entra pienamente in partita nel secondo tempo del match del Marassi, riuscendo persino a realizzare il gol che avrebbe regalato la vittoria ai rosanero. Avrebbe perché l’arbitro non vede la sfera varcare la linea di porta e di conseguenza non convalida la rete, svista che la tecnologia avrebbe potuto evitare. Poco male, Sampdoria-Palermo finisce 1-1 e i rosanero si confermano ancora sorpresa della Serie A 2014-15.

LICHTSTEINER. In un Juventus-Chievo affatto facile la Vecchia Signora riesce comunque ad impadronirsi dei tre punti e tra i marcatori vi è anche il difensore bianconero. Lichtsteiner, entrato a partita in corso, segna infatti il gol del 2-0 e consegna nelle mani della Juve la vittoria.

WIDMER. Il difensore regala la vittoria alla sua Udinese con un gol davvero incredibile. Al minuto 60 il suo cross viene respinto da Sepe, la sfera finisce quindi contro il palo sinistro ed entra in rete. Un gioco da biliardo, opera forse della fortuna.

POGBA. Trascinatore della Vecchia Signora in Juventus-Chievo 2-0, man of the match e talento puro. Paul Pogba è tutto questo. Il francese porta in vantaggio i bianconeri scagliando un missile imprendibile per il portiere clivense e, come se non bastasse, in occasione del gol del 2-0 dà spettacolo con una delle sue giocate, stop e tiro al volo, che non incanta Bizzarri, ma lo impegna in una respinta che favorisce Lichtsteiner, pronto a depositare in rete.

PAROLO. È il marcatore di Lazio-Milan. A inizio secondo tempo è bravo a liberarsi di Poli e trasformare in gol il cross di Klose, ma Parolo esibisce il meglio di sé in occasione del gol del 3-1 quando, persa palla da Djordjevic per infortunio, si avventa su di essa e va al tiro trovando il gol che ne vale la doppietta personale.

VAZQUEZ. Nel Palermo in questa stagione brillano due stelle e una di queste è Vazquez. Il fantasista rosanero ha mostrato ancora una volta il suo talento e, arginato dalla Sampdoria, è comunque riuscito a trovare la rete dell’1-1 con un gran destro a giro che ha sorpreso Viviano. Al 58′ arriva vicino al secondo gol rosanero con un tiro dalla distanza, ma questa volta il portiere dorinao non si lascia cogliere impreparato.

LJAJIC. La Juventus vince e la Roma non sprofonda. Nel match dello stadio Artemio Franchi di Firenze i giallorossi riescono a portare a casa un solo punto, merito di una buona Fiorentina e di Ljajic che riesce a firmare il gol del definitivo 1-1.

KLOSE. Il tedesco si è ritrovato ed è stato uno dei migliori in campo di Lazio-Milan. Klose serve a Parolo il cross per il gol dell’1-1 e, pochi minuti dopo, realizza la rete del 2-1 che fa sprofondare nell’abisso i rossoneri, sempre in affanno e mai in partita.

HIGUAIN. Doppietta personale e vittoria al Napoli bastano per far tornare Higuain nella nostra top 11. Il Pipita fa subito tremare la porta del Genoa al 3′ e se in questa occasione difende bene Perin, all’8′ il portiere non fa in tempo a ribattere la conclusione di Callejòn che vede depositarsi in rete la sfera ad opera di Higuain. L’argentino ci prova gusto e crea diversi pericoli al Grifone fino a mettere a segno, dal dischetto del rigore, il gol che vale il 2-1 finale.

ALL. PIOLI. La sua Lazio mostra carattere e personalità. Il tecnico Pioli ha conferito alla squadra biancoceleste una identità di gioco che la rende sicura di sé e armonica in ogni suo reparto.

Top 11 20a giornata Serie A 2014-15

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SERIE A 2014-15