Serie A 2014-2015, Di Stefano: "Milan? Attenzione a Torres''

L’esordio di Fernando Torres in maglia rossonera è stato amaro e di breve durata. El Nino, nel big match di San Siro tra Milan e Juventus teatro della prima sconfitta di Filippo Inzaghi, ha trovato spazio solo al 76′. Quando le cose si sono messe male, Inzaghi si è giocato tutte le carte dando fondo alle risorse a disposizione nel reparto offensivo decidendo di giocarsi anche Fernando Torres facendolo subentrare ad Andrea Poli. Nel giorno dopo il pesante 0-1, direttamente da Milanello, Peppe Di Stefano, giornalista di Sky, nel riportare una sua personale analisi della partita, identifica Torres come il probabile asso nella manica di Filippo Inzaghi ed eventuale chiave di svolta per il futuro del Milan” Attenzione a Torres che a Empoli potrebbe avere la prima chance dal primo minuto”.

Il Milan deve ancora lavorare molto e si vede, i limiti ci sono e al cospetto dei campioni d’Italia in carica era chiaro che si amplificassero. La partenza in campionato è stata buona ma i goal subiti sono stati decisamente troppi per una squadra che mira ad un posto al sole in classifica. E a Milanello, nel giorno dopo la sconfitta per mano dell’ex allenatore rossonero Massimiliano Allegri, la delusione e il rammarico sono palpabili. Peppe Di Stefano, prosegue raccontando la disillusione arrivata forse troppo presto: “E’ arrivato l’impatto con la realtà, contro una squadra che ha fatto la differenza in questi anni. Forse incontrare la Juve tra qualche mese sarebbe stato meglio, il Milan prende consapevolezze delle proprie potenzialità che però non possono essere paragonate a quella di Juve e Roma, e da capire se sono paragonabili a Inter, Napoli e Fiorentina”.

Leggi anche: