Serie A, Albertini: "Il Milan può giocarsela con Roma e Juve"

Demetrio Albertini, ex talentuoso centrocampista del Milan ed ex vicepresidente della Federcalcio, ha voluto esprimere, attraverso le pagine della Gazzetta dello Sport, il suo personalissimo punto di vista sull’attuale situazione del Milan, una squadra che sta crescendo di giornata in giornata e che ha il sogno di poter lottare alla vittoria dello scudetto: “Il Milan è un can­tie­re aper­to, ma i ri­sul­ta­ti portano po­si­ti­vità. Credo che nella par­ti­ta secca il Milan possa gio­car­se­la con­tro Juve e Roma, ma per fare pa­ra­go­ni più ap­pro­fon­di­ti è necessario aspet­ta­re al­me­no Na­ta­le”.

Le parole di Albertini, uno che di scudetti se ne intende molto bene, esprimono molto chiaramente un pensiero condivisibile da tutti. Il Milan di questo inizio di stagione sta stupendo sia i tifosi stessi che gli addetti ai lavori, ma per parlare di scudetto la strada è molto lunga e tortuosa, a cominciare dalla supersfida di settimana prossima contro la nuova Juventus di Max Allegri, match che può diventare indubbiamente un crocevia molto importante per capire fino in fondo dove vuole arrivare questo Milan.

Per Albertini, però, sarebbe anche un grave errore dare un giudizio affrettato su Inzaghi e sulla squadra, anche nel caso di una sconfitta contro la Juventus: “Al di là di quel­lo che sarà l’esito della par­ti­ta di sa­ba­to, dare oggi un giudizio sull’ope­ra­to della squa­dra e di In­za­ghi risulterebbe superficiale, anche perché il vero va­lo­re del grup­po si vedrà nei mo­men­ti di fles­sio­ne”. Tra gli aspetti positivi visti in questo primissimo scorcio di stagione al Milan c’è sicuramente il gruppo e uno spirito di squadra che SuperPippo Inzaghi sta riuscendo a trasmettere nella migliore dei modi.

Leggi anche: