Si incendia la casa di Jesè: tanta paura per il calciatore del Real Madrid

La sfiga ama farsi accompagnare. Lo sa bene Jesè, l’attaccante del Real Madrid, che ha dovuto abbandonare la sua casa per un incendio. Dopo l’infortunio al ginocchio della scorsa settimana che lo aveva costretto all’uso delle stampelle, il ventunenne si è ritrovato a dover mettere al riparo il figlio dalle fiamme che erano divampate nell’abitazione in cui si era trasferito con la famiglia da soli 10 giorni.

Presente al momento dell’incidente l’amico e collega Alvaro Arbeloa, che con lui ha avvertito l’iniziale esplosione e l’incedere delle fiamme dal seminterrato, dove erano in corso dei lavori di insonorizzazione. Presto La Finca, lussuosa abitazione nei pressi di  Madrid diventata da poco la casa di Jesè, è stata inghiottita dal fumo, e i tre fuggiaschi si sono dovuti mettere al riparo in giardino.

Nessuna ripercussione per loro, a parte il grosso spavento e l’inconveniente di dover trascorrere la notte in albergo. Peggio è andata agli operai che al momento dell’esplosione stavano lavorando nel seminterrato: uno di loro è stato trasferito d’urgenza a La Paz per aver riportato ustioni sul 15% del corpo.  

Leggi anche — > Champions League Real Madrid-Schalke 3-1: Video Gol Sintesi Highlights