Stephan El Shaarawy vuole riprendersi il Milan: "Tornerò da protagonista"

Giornata importante quella di oggi per Stephan El Shaarawy. Il giovane attaccante rossonero in giornata odierna è atteso ad Amsterdam per un consulto medico col professor Van Dijk utile a definire lo stato di salute del piede sinistro, operato lo scorso dicembre. Intanto ieri El Shaarawy ha rimesso piede a Milanello e ha rilasciato delle dichiarazioni al Corriere dello Sport e al Corriere della Sera.

Il Faraone, dopo questo lungo periodo trascorso fuori dal campo per via degli infortuni che in questa stagione non gli hanno dato tregua, non ha smarrito la voglia e l’entusiasmo di giocare a calcio e non vede l’ora di tornare in forma per dare il suo contributo alla squadra e rifarsi del tempo perduto: Aspettatemi, ho una grande voglia di tornare a essere protagonista. Questi mesi lontano dai campi sono stati molto difficili. Sono fuori da tanto tempo, ma se il controllo andrà bene potrò iniziare la riabilitazione. Lo step successivo è il lavoro sul campo, per tornare disponibile ci vorranno 4-6 settimane.Io sono fiducioso, tutti credono in me e mi stanno aspettando“. 

Sono stati mesi difficili da affrontare, ma in questo El Shaarawy ha potuto contare sul sostegno di staff, compagni e ” soprattutto di Mario Balotelli. Molto spesso quando avevo il piede ingessato in questi mesi mi veniva a salutare. È stato bello, mi ha fatto molto piacere”. A proposito di Balotelli non si poteva non parlare della reazione del giocatore in Napoli-Milan, reazione naturale a parere di El Shaarawy: È assolutamente normale piangere a 23 anni, Mario aveva trascorso una settimana particolare”. 

Rientrando dall’infortunio El Shaarawy troverà ad aspettarlo Clarence Seedorf, presenza gradita dal Faraone che dell’olandese ha solo dei bei ricordi: “Sono molto contento che Seedorf sia l’allenatore del Milan, con lui avevo un ottimo rapporto quando eravamo compagni di squadra. Ha qualità umane importanti, sono felice di essere venuto qui il giorno del suo arrivo a Milanello. Mi ha detto solo di pensare a guarire”, felice di questa nuova guida tecnica, ma non dimentica Allegri“Gli sono riconoscente, mi ha lanciato nel grande calcio”.

Leggi anche-> El Shaarawy a Milanello, rientro vicino

Leggi anche-> Seedorf soddisfatto di Taarabt, Honda ai margini del Milan? 

Leggi anche-> Esultanze strane: fa gol e rompe la panchina con la testa (Video)