Stupro, Robinho: "Triste e schifato da tanta falsità"

“Sono totalmente all’oscuro della vicenda e di qualunque aspetto la riguardi. Mi sento molto triste e schifato per questa notizia falsa”. Con queste parole, riportate da La Gazzetta dello Sport, Robinho risponde alla notizia, diffusa da Corriere.it, secondo la quale il brasiliano sarebbe coinvolto in un’indagine condotta dal Pm Ammendola con l’accusa di aver stuprato nel gennaio del 2013 a Milano una ragazza di 18 anni.

Appresa la notizia, l’ex calciatore del Milan chiarisce la sua posizione ribadendone l’infondatezza e sottolineando di essersi dichiarato “estraneo ai fatti” già quest’estate, quando venne chiamato dalla Procura di Milano per testimoniare: “Affronto l’argomento una volta per tutte nel rispetto delle persone che mi vogliono bene. Sono totalmente all’oscuro della vicenda”.

Robinho non resta a guardare e ha già chiesto ai suoi avvocati di occuparsi della faccenda: “I mezzi di comunicazione dovranno rispondere per la pubblicazione di notizie infondate. Ho chiesto ai miei avvocati di muoversi di conseguenza”. 

Leggi anche: