Tifoso Danese accoltellato a Torino: sono stati i suoi connazionali

Appena 2 giorni fa abbiamo preso in considerazione  il caso del tifoso Danese che affermava di essere stato accoltellato da un gruppo di ultras juventini (per saperne di più clicca QUI). Il caso ci è sembrato strano sin dall’inizio e abbiamo preferito prendere la notizia con le pinze e n0n lanciare accuse dirette nei confronti di nessuno.

Organi di stampa e portali internet hanno dato via ad una campagna accusatoria nei confronti della tifoserie bianconera, e non sono mancati i soliti falsi moralisti profeti del “Quando non succede a Napoli non fa notizia”. Secondo altri, invece, l’ipotesi più fondata era quella di una montatura organizzata da parte della vittima dell’accoltellamento, Kristoffer Østergaard.

Accoltellato tifoso Copenaghen

L’uomo aveva affermato di essere stato accoltellato da un gruppo di 5/6 juventini mentre stava consumando un pasto con la fidanzata e un’altra coppia di amici, tornati impauriti in patria subito dopo l’aggressione. Il tempo, però, ha portato la verità a galla e, dopo varie indagini da parte della polizia Danese, si è scoperto che l’aggressione non è stata messa in atto dai tifosi juventini, ma da alcuni connazionali di Kristoffer.

A quanto pare l’uomo ha avuto un diverbio con alcuni di loro che, in maniera del tutto avventata, non hanno esitato a tirar fuori un coltello e ad utilizzarlo senza alcuno scrupolo. Risolto un dubbio, ne sorge un altro: perchè Kristoffer ha mentito riguardo l’identità dei suoi aggressori ed ha preferito incolpare gli ultras della Juventus? Le ipotesi possono essere varie (ricatto, odio sportivo, ecc.), ma, come è appena successo, solo con il tempo potremo avere delle risposte.

Leggi anche –> Accoltellato Tifoso Danese a Torino: bufala o realta?
Leggi anche –> La voce del tifo, tifosi indignati: “Insultare l’Heysel è solo umorismo?” (Foto)