Torino-Copenaghen, Ventura: “Per vincere dobbiamo giocare semplici”

Alla vigilia di Torino-Copenaghen, consueta conferenza stampa di Giampiero Ventura. Il tecnico granata predica umiltà contro i danesi, che come lui stesso ha ricordato oggi davanti ai microfoni, l’anno scorso riuscirono a pareggiare contro la Juventus in Champions League concorrendo di fatto all’eliminazione dei bianconeri dalla fase a gironi. Allo stesso tempo, afferma che “l’avversario ha tradizione ma è alla nostra portata, a patto di fare una partita senza sbavature“.

Nella conferenza stampa, riportata integralmente su toronews.net, Ventura ha parlato di vari elementi della rosa e ovviamente della formazione che scenderà in campo domani. Su Bovo: “Ha un piccolo fastidio, spero non sia nulla di grave e di recuperarlo per domani”. Quindi parla anche di Martinez, “E’ un giovane, si sta adattando, ha grande voglia, grande entusiasmo ma ha davanti giocatori validi”; di Jansson: “Credo che se non giocherà domani, giocherà domenica” e di Barreto: “Purtroppo non siamo ancora riusciti a vedere il vero giocatore che ho avuto la fortuna di allenare a Bari. Spero di rivederlo presto e lo stesso vale per Larrondo“.

Quindi torna sulla partita: “E’ una partita delicata sotto il piano del risultato. Con tutto il rispetto, credo che sulla carta il Copenaghen sia più forte dell’ Helsinki e quindi vincere in casa vorrebbe dire, soprattutto dal punto di vista psicologico, mettere giù le prime basi concrete per il passaggio del turno , anche se resterebbero ancora quattro partite”.

Leggi anche: