Tuttosport, Emerson: "Se fossi in Pogba non andrei al Real Madrid"

Se fossi in Pogba non andrei al Real Madrid“. A dirlo è il “Puma” Emerson, ex di Juve, Real Madrid e Roma, in una lunga intervista a Tuttosport. Ma come è venuto fuori il discorso Real Madrid, considerato che tra tutti i grandi club europei quello spagnolo è sembrato il meno interessato a Pogba?

Semplice, a Emerson viene chiesto del suo trasferimento dalla Juve al Real Madrid nel 2006, dopo Calciopoli. Ecco la sua risposta, abbastanza sorprendente: “Quando lasciai Torino per seguire Capello in Spagna la Juve era in una situazione diversa rispetto a quella attuale. Era scoppiata Calciopoli e la società aveva bisogno di monetizzare vendendo giocatori. Andai al Real perchè era uno dei club più importanti del mondo. Ma adesso, a distanza di tempo e con qualche anno in più, mi comporterei in modo diverso. Alla Juve stavo benissimo, sono pentito di essermene andato”.

Ed ecco che viene spontaneo fare un paragone: “Questa è stata solo la mia esperienza personale, poi ogni caso è diverso e ogni giocatore deve decidere in base a quello che sente”. Quindi aggiunge: “Lasciare Torino la prossima estate sarebbe diverso rispetto al 2006, perchè la Juve è tornata sui suoi livelli tradizionali e punta a vincere anche in Europa. E se resta Pogba, con gente come Tevez, Pirlo, Vidal , e in più arriva anche un grande colpo, la distanza dalle big diminuisce”.

Gli viene chiesto se secondo lui Pogba lascerà la Juve: “Questo dipenderà sopratutto da lui, quello che posso dire io è che mentre a Torino in un certo modo è protetto dall’ambiente, in una piazza come Madrid dovrà subito dimostrare il suo valore, a maggior ragione perchè sarebbe venduto a una cifra molto alta“. Aggiunge: “Quando cambi maglia si azzera tutto, perciò fossi in lui ci penserei dieci volte prima di lasciare Torino“.

Una battuta sul mercato. Cosa pensa di Oscar, accostato alla Juve? “E’ un po’ come Vidal, meno dinamico ma con più fantasia, un calciatore certamente interessante, potrebbe partire di fronte a una buona offerta”. Sulla Champions League: “Il Borussia è in grossa difficoltà, la Juve parte certamente favorita“. Infine sulla battuta di Garcia,vinceremo lo scudetto“: “Io non lo avrei mai detto, neanche con 10-12 punti di vantaggio“, conclude.

Leggi anche: Juventus, Maglie 2015/2016: rosa e oro