Ultime Inter, Mazzola frena gli entusiasmi: "Piano con le lodi a Ricky Alvarez" (Video)

Portava la maglia numero 8 in passato e oggi esprime il suo pensiero sui quattro tenori argentini che stanno facendo le fortune della nuova Inter di Mazzarri. Stiamo parlando di Sandro Mazzola che ha parlato a tal proposito ai microfoni di CalcissimoTv, durante il programma L’Intervista ai Calciatori.

Parlando del più determinate tra i tre, ovvero Rodrigo Palacio, l’ex numero 8 nerazzurro parla di differenze presenti nel calcio di oggi rispetto al passato e, soprattutto, per quanto riguarda il ruolo di Palacio, che viene sacrificato come prima punta, quando il suo ruolo naturale sarebbe quello di seconda punta che si inserisce per fare gol. L’attenzione si sposta poi sul secondo argentino, ovvero Mauro Icardi. Partito titolare contro la Juve, il giovane talento ha messo a segno il gol del momentaneo 1 a 0. Secondo Mazzola, poche sono le occasioni concesse al giocatore che dovrebbe essere messo in campo più spesso, anche perché, data la giovane età, numerosi potranno essere i margini di miglioramento.

walter mazzarri

Altre parole vengono poi spese a proposito di Ricky Alvarez, l’argentino che dai fischi di San Siro è passato alle lusinghe, secondo Mazzola eccessive poiché non ha ancora dimostrato continuità, anche se ha le carte in regola per diventare un grandissimo giocatore in quanto fisicamente e tecnicamente indiscutibile. A tal proposito il consiglio di Mazzola a Mazzarri e agli interisti è quello di lasciarlo crescere senza troppe pressioni. Infine, non possono mancare gli elogi ad Hugo Campagnaro, difensore con esperienza, nonché pupillo di Mazzarri, che Mazzola ritiene fondamentale nella retroguardia nerazzurra, poiché ha messo ordine e ha dato sicurezza. Quella sicurezza che difensiva che tanto era mancata nell’Inter degli anni passati dopo l’addio dello Special One.

ECCO IL VIDEO DELL’INTERVISTA INTEGRALE A SANDRO MAZZOLA:

Leggi anche–> Alvarez, c’è la Fiorentina su di lui?

Leggi anche–> Icardi in Nazionale grazie all’Inter?

Leggi anche–> L’uomo in più della difesa: Hugo Campagnaro