Ultime Notizie Inter, Luciano Moggi: "Non si può più parlare di derby d'Italia"

A pochissimi giorni da Inter-Juventus, l’acceso derby d’Italia che fa tanto infervorare gli animi delle due tifoserie da oramai molti anni a questa parte, c’è chi butta ancora benzina sul fuoco. Stavolta, il “piromane” è il solito Luciano Moggi, che torna ad attaccare l’Inter, non risparmiando frecciatine nei confronti degli odiati milanesi.

Oltre a dire che i nerazzurri sono sono affatto in competizione per lo scudetto quest’anno, l’ex dirigente della Juventus rincara la dose riferendosi all’episodio del 26 aprile 1998, il famosissimo match dell’indimenticabile rigore mancato ai danni di Ronaldo sull’intervento palesemente irregolare di Mark Iuliano. Inoltre, afferma anche oramai non si può più parlare di derby d’Italia, visto che l’Inter è nettamente inferiore ad oggi rispetto alla Juventus.
“L’intervento di Iuliano sul giocatore interista è un problema arbitrale e sta all’arbitro decidere se sanzionarlo o meno. Non dimentichiamo invece che qualche tempo prima, l’Inter ha tesserato l’extracomunitario Recoba andando contro le norme di allora e per questo poteva essere retrocessa. Comunque quella era una buona Inter e a quei tempi si poteva parlare di derby d’Italia, non adesso dove esiste un divario troppo ampio. Potrebbe anche non vincere lo scudetto la Juve, ma sicuramente non lo perde per mano dei nerazzurri”. Sono queste le parole rilasciate da “Lucianone” a Calcionews24.com.

Ronaldo

C’è da dire che Moggi non riesce ad ammettere le sue colpe oppure ha la memoria corta, dato che lo stesso Ceccarini (colui che arbitrò il suddetto match), uscì poi allo scoperto, dichiarando di aver commesso uno sbaglio a non aver concesso il rigore su quel fallo. In ogni caso, Inter-Juventus è davvero una partita che inizia sempre molto prima rispetto al fischio dell’arbitro e che, soprattutto, non ha mai fine.

Leggi anche –> Ultime Notizie, Inter – Juventus: ultimi dubbi per Mazzarri

Leggi anche –> Inter-Juventus, Stefano Tacconi: “Handanovic è bravo, ma sfigato”

Leggi anche –> Inter-Juventus, Gigi Simoni: “L’Inter sorprenderà la Juve. Scudetto ’98? Noi vincitori morali”