Ultime Notizie Inter, Squalifica Curva Nord: Moratti pensa al ricorso

Il giudice Tosel, pur riconoscendo le attenuanti del caso, complice la collaborazione dell’Inter con le forze dell’ordine per individuare subito i responsabili dei buuu razzisti nei confronti di Asamoah e Pogba durante la partita di sabato scorso contro la Juventus, ha deciso di applicare alla lettera la nuova normativa dell’Uefa, che prevede tolleranza zero verso gli episodi di razzismo. Una decisione che è stata interpretata come troppo severa da parte della società nerazzurra, considerando che i racconti della polizia presente allo stadio non hanno segnalato nulla di anomalo, al contrario del referto arbitrale del Sig. Orsato.

Anche capitan Zanetti, ieri sera presente allo store Pirelli in Corso Venezia a Milano per la Vogue Fashion Night Out, si è dichiarato sorpreso da quanto accaduto, rispondendo ai giornalisti che lo incalzavano sull’argomento: “Non ho sentito nulla, ma dobbiamo accettare questa decisione e andare avanti.”

Il Presidente dell'Inter Massimo Moratti

Ora la decisione passa al presidente Moratti, il quale pare essere un attimino tentennante sul ricorso da effettuare alla Corte di Giustizia Federale visto il tema molto delicato. Infatti si sente da una parte giustamente danneggiato per una squalifica che porterà la squadra a non avere il supporto della Curva nel prossimo impegno contro la Fiorentina, mentre dall’altra parte non vuole dare l’impressione di difendere il razzismo da stadio. Date le nuove disposizione dell’Uefa ora lo stadio Meazza con la chiusura di un settore è in diffida, e nel caso in cui l’episodio si ripetesse si andrà incontro alla squalifica dell’intero impianto di gioco, con conseguente partita a porte chiuse.

Leggi anche–> Il giudice Tosel chiude la Curva Nord per cori razzisti