Ultime notizie Juventus: presentazione di Carlos Tevez a Torino

Si è conclusa da poco la presentazione di Carlos Tevez nella sala stampa dello Juventus Stadium. Ecco i punti salienti della conferenza presediuta da Marotta e dall’argentino.

Il primo a prendere parola è stato lo stesso Marotta il quale ha parlato di “un’acquisizione difficoltosa che ha richiesto non solo tempo ma anche la seria volontà del giocatore di trasferirsi a Torino”, aggiunge poi che la società è sempre stata ottimista riguardo l’operazione anche di fronte alle insinuazioni della stampa di un probabile fallimento e alle azioni, seppur leali, di fastidiose concorrenti visto che il giocatore ha da sempre “espresso “l’esplicità volontà di indossare la nostra maglia”.

Tevez Manchester City

Seguono le prime parole di Carlitos Tevez da bianconero. L’apache esordisce ringraziando la Juventus per gli sforzi fatti e il Manchester City per gli anni passati insieme. Ribadisce più volte il concetto del Rispetto: fondamentale per far si che i rapporti tra giocatore e società e tra giocatore e allenatore possano funzionare; rispetto per il numero che porterà sulla maglia e per chi l’ha indossato onorando la squadra prima di lui, da Platini a Del Piero passando per Roberto Baggio.

Marotta precisa che “è stato Carlos stesso a chiedere la maglia numero 10 la quale è appartenuta a grandi campioni del passato che hanno fatto la storia del club trascinando la squadra e diventandone i simboli. Carlos ha espresso il desiderio di indossare la maglia numero 10 e noi tutti abbiamo pensato fosse arrivato il momento di consegnare l’eredità della maglia. Carlos Tevez ha le giuste qualità per farsi carico di una maglia pesante, era giusto dare fiducia perchè prima o poi doveva capitare...”

Carlitos Tevez

Tevez continua dicendo che già nel Boca aveva indossato la maglia numero 10 che era appartenuta a Maradona, si sente quindi pronto a giocare in “un campionato forte e difficile circondato da una tifoseria molto calda simile a quella argentina”.

Non risparmia parole nei confronti del Milan smentendo una volta per tutte l’interessamento da parte del club rossonero: “Ho sentito Galliani solo un paio di volte, l’ultima un anno fa. Non so perchè abbia detto quelle cose”.

Carlitos parla di un sogno che si avvera, quello di giocare in Italia ed è felice di poterlo fare nella Juventus, un grande club che come lui “desidera vincere lo scudetto. Riguardo all’Europa sostiene “vincere la Champions è un sogno di tutti. La Juventus è in un momento di forza, è una squadra forte, ma voglio andare piano”.